La valutazione di impatto ambientale

Un approccio integrato

Autori e curatori
Contributi
Giandomenico Amendola, Antonello Antonelli, Franco Archibugi, Giuseppe Barbero, Paolo Bisogno, Emma Corigliano, Giuseppe Fiengo, Francesco Karrer, Manlio Maggi, Renzo Marini, Franco Martinelli, Agostino Palazzo, Jerzy Rydzy, Sergio Sartori, Gianni Statera, L Wilde Vicki
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 244,   figg. 20,     3a edizione  1995   (Codice editore 1535.30)

La valutazione di impatto ambientale. Un approccio integrato
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 26,50
Condizione: fuori catalogo
Disponibilità: Nulla
Codice ISBN: 9788820467524

Presentazione del volume

Muovendo dal presupposto teorico-metodologico che l'ambiente si Costituisce come un insieme complesso, il volume indica, attraverso i vari contributi, la prassi scientifica dell'integrazione interdisciplinare come unica dimensione di ricerca ma anche di intervento capace di raccogliere la sfida delle emergenze ambientali.

La valutazione di impatto ambientale non può quindi non considerare preventivamente, anche al di là dei ristrettivi vincoli normativi, gli effetti significativi che un'opera produce non solo sull'ambiente bio-fisico ma anche sull'ambiente umano-sociale. L'inserzione delle ragioni della società e dei gruppi sociali all'interno delle preoccupazioni ambientali arricchisce queste ultime di significati innervati nella dialettica della società e delle comunità e consente altresì di evitare quel neutralismo politico-sociale che talvolta segna negativamente l'ecologismo destorificato.

Le contraddizioni fra il linearismo della cultura di massa e delle burocrazie ed il probabilismo del moderno metodo scientifico, i rapporti tra piano e progetto, la percezione sociale del rischio, la differenziazione sociale degli impatti, i problemi della partecipazione pubblica, le questioni del conflitto e della decisione a più attori, ecc. costituiscono allora le diverse dimensioni nelle quali si sviluppa il nucleo tematico di fondo del volume, vale a dire l'analisi della rete complessa di relazioni che si stabiliscono tra sistemi sociali e sistemi naturali quando essi pervengono ad un punto di crisi.

Fulvio Beato è professore associato di sociologia rurale presso l'università di Roma «La Sapienza» e coordinatore del Gruppo di documentazione sui «Sistemi uomo-ambiente» dell'lsrds-Cnr. Ha in corso studi e ricerche sull'habitat rurale, sull'agricoltura ecologica e sulle aree protette. Tra le sue pubblicazioni sono da segnalare: Agricoltura: economia e politica, Bologna, 1981; Il riformismo nelle campagne, Padova, 1989.

Indice

Introduzione di Fulvio Beato
Indirizzo di saluto di Gianni Statera
Relazioni e comunicazioni della I sessione
Nuovi approcci di ricerca nello studio dei problemi ambientali, di Giuseppe Barbero
Qualità della vita, bene comune, rischio accettabile: topoi retorici e/o strettoie concettuali della valutazione d'impatto ambientale, di Giandomenico Amendola
Nuovi strumenti per la valutazione integrata dell'impatto ambientale, di Franco Archibugi
La valutazione degli impatti indiretti, di Francesco Karrer
La valutazione di impatto ambientale come strumento di espansione della democrazia, di Giuseppe Fiengo
Il ruolo del "Sia" tra vecchi e nuovi paradigmi della valutazione di impatto ambientale, di Emma Corigliano
Il contributo della geografia negli studi socio-ambientali, di Jerzy Rydzy
Progetto, complessità, vulnerabilità, di Paolo Bisogno
Relazioni e comunicazioni della II sessione
Ruolo del sociologo negli studi di impatto ambientale, di Franco Martinelli
Le dimensioni negli studi di impatto ambientale dei grandi impianti energetici, di Manlio Maggi
La percezione del rischio nella "Via", di Sergio Sartori
Il "Wolf's Paradigm" e la differenziazione sociale degli impatti, di Fulvio Beato
Il ruolo della psicologia nella valutazione di impatto sociale, di Vicki L. Wilde
Ecosistemi, complessità, entropia, di Antonello Antonelli
Gestione delle conoscenze e processi politico-decisionali: il caso della valutazione di impatto ambientale, di Renzo Marini
Ambiente, tecnologie, cultura, di Agostino Palazzo
Notizie sugli Autori