Il lavoro nei paesi d'Europa

Un'analisi comparativa

Contributi
Mateo Alaluf, Andres Bilbao, Paul Bouffartigue, Rainer Dombois, Richard Hyman, Esteban Martinez, Carlos Prieto
Livello
Studi, ricerche
Dati
pp. 192,      1a edizione  2000   (Codice editore 1530.55)

Il lavoro nei paesi d'Europa. Un'analisi comparativa
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 23,00
Disponibilità: Buona


Clicca qui per acquistare
Codice ISBN: 9788846422651

Presentazione del volume

Il passaggio dell'Europa dai tradizionali modelli produttivi del taylorismo e del fordismo al post (o neo) industrialismo costituisce lo sfondo degli studi nazionali presentati in questo libro. L'analisi, a partire dal più qualificato dibattito sociologico di questi anni, si confronta con le recenti trasformazioni sociali ed economiche che hanno segnato il mondo del lavoro. Molti dei saggi ruotano intorno alla crisi del modello tradizionale di lavoro tipico della grande impresa (subordinato, a tempo pieno, di durata indefinita) e guardano al progressivo affermarsi delle nuove forme di occupazione (lavoro parasubordinato, part time , a domicilio, nero).

L'ottica comparativa adottata risulta particolarmente efficace e permette di rilevare tanto le tendenze comuni quanto le diversità nazionali. Lo scenario europeo degli ultimi decenni presenta caratteristiche comuni di ristrutturazione organizzativa, di innovazione tecnologica, di contrazione occupazionale che mutano rapidamente le condizioni, i rapporti di lavoro ed i sistemi delle relazioni industriali; ma mostra anche peculiarità locali nelle modalità di regolazione delle nuove forme di lavoro, consentendo per ciascun paese di proporre specifici profili interpretativi dei processi di cambiamento in atto.

Come si manifesta il passaggio dalla stabilità alla flessibilità? Cosa si cela dietro il lavoro atipico? Quali sono le logiche e le strategie messe a punto, in risposta a questi processi, dagli attori sociali? Quali i meccanismi di regolazione e di legittimazione dei nuovi modelli che si stanno progressivamente affermando in Europa? Questi sono solo alcuni degli interrogativi affrontati nel libro ai quali gli autori, dalla loro prospettiva nazionale, avanzano risposte nel quadro di quel più ampio scenario che è il mutamento del lavoro nei paesi d'Europa.

Francesca Bianchi è dottore di ricerca in Sociologia politica. Insegna Formazione e politiche delle risorse umane presso il Diploma in Relazioni Industriali dell'Università di Firenze e Sociologia presso l'I.S.I.A. (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche) di Firenze. Ha scritto vari lavori sulle trasformazioni economico-sociali nel contesto toscano e sull'istruzione e la formazione professionale. Tra le pubblicazioni più recenti: F. Bianchi, Risorse umane e formazione. Caratteri e prospettive dell'istruzione in Toscana , Angeli, Milano, 1997; "La formazione professionale tra politiche sociali, politiche attive del lavoro e diritti di cittadinanza", in Sociologia del lavoro , n.65, 1997.

Paolo Giovannini è ordinario di Sociologia alla Facoltà di Scienze Politiche di Firenze. Ha fondato il Diploma di Relazioni Industriali - primo in Italia - ed è direttore del Master in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane. Lavora ai temi del declino industriale e dei processi di mobilità. Tra i suoi scritti più recenti: Prato. Metamorfosi di una città tessile , con R. Innocenti (a cura di), Angeli, Milano, 1996; Una strategia di uscita dalla disoccupazione: Europa e Mercosur in A. Annino, M. Aymard (a cura di), Cultura del lavoro e disoccupazione: Unione Europea e Mercosur , Rubbettino ed., Messina, 1999; "Teorie sociologiche alla prova: il caso del declino industriale in Italia", con A.Perulli, in Notiziario AIS , n.10, 1999.

Indice


Carlos Prieto , Il lavoro in Europa: trasformazioni, tendenze e logiche in gioco. Introduzione
(Il lavoro come norma sociale; Il lavoro e la sua regolazione in Europa: similitudini e differenze; La regolazione del lavoro negli anni Sessanta e Settanta: una regolazione universale e di grande consenso; Gli anni Ottanta: trasformazioni e crisi della regolazione del lavoro "keynesiana")
Richard Hyman , La regolazione del rapporto di lavoro: il caso inglese
(Il background; Verso una trasformazione delle relazioni industriali inglesi?; La valutazione del rapporto tra relazioni industriali e lavoro; Nuovo governo laburista, nuove relazioni industriali?)
Rainer Dombois , Verso un nuovo modello nel rapporto di lavoro? L'erosione dei normali rapporti di lavoro e le nuove strategie
(Lo sviluppo del rapporto di lavoro standard nel dopoguerra; L'erosione del rapporto di lavoro standard; La deregolazione; I mutamenti nel mercato del lavoro, le trasformazioni nella struttura economica e le nuove strategie imprenditoriali; La trasformazione del sistema tradizionale di accordi collettivi; Il cambiamento delle richieste sociali da parte dei lavoratori; Concetti e strategie per una nuova regolazione del lavoro; L'ampliamento dei settori a bassa retribuzione; La ridistribuzione del lavoro tramite riduzioni di orario; L'attribuzione del lavoro e di altre attività al di là del mercato)
Paul Bouffartigue , Francia: la regolazione del lavoro "in frantumi"?
(La costruzione sociale del "lavoro alla francese"; Le origini della destabilizzazione della regolazione del lavoro; Le cause principali dell'evoluzione delle forme di lavoro; Le nuove strategie imprenditoriali; Il ruolo determinante dello Stato e delle politiche pubbliche per l'occupazione; Lo sviluppo delle forme di lavoro atipiche; La destabilizzazione del tempo di lavoro; Gli interventi pubblici per il lavoro e la formazione; Altre forme di lavoro (autonomo, a domicilio, nero...); A proposito delle due dimensioni sociali, il genere e l'età, della "popolazione attiva"; Punti di debolezza e di forza della regolazione del lavoro francese; Contraddizioni del periodo recente; Potenzialità e sviluppi della regolazione del lavoro)
Francesca Bianchi, Paolo Giovannini , Regolazione del lavoro e lavori senza regole: il caso italiano
(Le trasformazioni del lavoro: un primo inquadramento; Lo scenario economico e sociale di riferimento: l'Italia e l'Europa; Struttura occupazionale, mercati del lavoro e composizione sociale; Condizioni di lavoro e relazioni industriali; Logiche e attori in gioco nelle trasformazioni del lavoro; La tipicità italiana dei lavori atipici; Il decentramento delle relazioni industriali; Tempi di lavoro e tempi di vita: la questione degli orari)
Mateo Alaluf, Esteban Martinez , Il lavoro destabilizzato dalla disoccupazione. Aspetti comuni e peculiarità del sistema belga
(Trasformazione delle attività e femminilizzazione del lavoro; Le strategie delle imprese e la flessibilità del lavoro; Alcune modalità di applicazione della flessibilità; Quali risposte al peggioramento delle condizioni di lavoro?; Precarizzazione del lavoro: flessibilità interna o flessibilità esterna; La flessibilità nelle politiche per l'occupazione e la gestione della disoccupazione; Politica pubblica e regolazione del lavoro; "Attivazione della disoccupazione"; La crisi dell'occupazione e della disoccupazione)
Andrès Bilbao , Il lavoro e la riforma del mercato del lavoro in Spagna
(Verso il lavoro flessibile; Il processo di riforma del mercato del lavoro; Il nuovo scenario di riferimento: tra occupazione e crescita economica; La concezione del lavoro come bene scarso nel dibattito socio-economico).