LIBRI DI ALESSANDRA LANDI

Giulia Pastori, Luisa Zecca

La scuola come bene di tutti, la scuola per il bene di tutti

Quale scuola vogliamo?

Questo volume raccoglie gli atti del primo convegno internazionale, organizzato dal Laboratorio di ricerca e formazione “Scuola e Cittadinanza Democratica”, dal titolo La scuola come bene di tutti. La scuola per il bene di tutti. Quale scuola vogliamo? Nel dialogo e nell’impegno condiviso abbiamo la speranza di poter non solo trovare strumenti e chiavi di interpretazione della nostra contemporaneità complessa, ma anche di poter incidere e dare una direzione di cambiamento concreto verso una società (e scuola) sempre più solidale e “fraterna”.

cod. 11427.1

Marco Castrignanò, Alessandra Landi

La città e le sfide ambientali globali

La sociologia, in particolare quella urbana, sta negli ultimi anni mostrando una crescente attenzione alla tematica del rapporto tra città e questione ecologica. In tal direzione, il volume raccoglie diversi contributi che indagano in particolare alcune questioni chiave come: forma urbana e sostenibilità ambientale; sostenibilità tra sensibilizzazione e inclusione; pratiche sociali di ecocompatibilità urbana; sviluppo locale e capitale sociale territoriale.

cod. 1562.38

Alessandra Landi

Una società low-carbon in costruzione

Elementi di teoria e pratiche della transizione sostenibile

Frequente oggetto di attenzione da parte di studiosi di varie discipline, la complessa minaccia rappresentata dal cambiamento climatico dispiega nuovi macro-orizzonti che vanno a sfidare le istituzioni politiche ed economiche, mentre a un livello microsociologico la transizione verso una società low-carbon riguarda modelli, pratiche e stili di vita quotidiani.

cod. 1561.94

Gabriele Manella

Per una rinascita delle aree interne

Una ricerca nell'Appenino Bolognese

L’Appennino Bolognese, in special modo le Valli del Reno e del Setta, costituiscono un territorio particolare sotto molti profili. La ricerca qui presentata, svolta in quest’area, combina l’analisi e l’interpretazione dei dati con alcune possibili proposte derivanti dall’identificazione di elementi strategici su cui puntare nei prossimi anni. Il tutto basandosi sulla “cassetta degli attrezzi” della sociologia dell’ambiente e del territorio, nei suoi aspetti qualitativi (osservazione diretta, interviste) e quantitativi (analisi di dati statistici, cartografie).

cod. 1562.41

Gina Chianese

Costruzione del profilo professionale.

Pratiche narrative e riflessive

Attraverso la scrittura narrativa e la ricostruzione biografica, il volume propone un percorso di formazione del proprio profilo professionale, inteso come “storia di vita” in cui possono emergere dei momenti critici, momenti di svolta oppure ostacoli che punteggiano il percorso biografico. Nel libro sono presentati alcuni di questi momenti, come il passaggio dagli studi superiori all’università, l’esperienza di tirocinio e l’ingresso nella comunità professionale.

cod. 292.2.153

Giovanni Pieretti

Democrazia e cittadinanza attiva

Le Case del Popolo nella società contemporanea

Attraverso un approccio multi-disciplinare, il volume intende delineare un possibile percorso di sviluppo per le Case del Popolo, al fine di posizionarle in un ruolo centrale nel processo di crescita sia sociale che economico contemporaneo, come fu nel passato, ma in linea con le necessità e i bisogni della società attuale.

cod. 1563.56

Alessandra Landi

Processi urbani di appropriazione e trasformazione: tra pratiche sociali e spazialità

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 107 / 2015

Il contributo si articola intorno al tema dello sviluppo urbano sostenibile, fornendo una cornice analitica che integra l’approccio delle pratiche sociali in relazione allo spazio e alla spazialità. Le pratiche sociali sono dunque lette come processi individuali o collettivi di appropriazione e trasformazione dello spazio da parte di individui o gruppi che a) agiscono in alternativa ai governi locali e b) come reazione diretta o indiretta all’azione pubblica. A supporto di questa lettura vengono forniti due esempi.

Marco Castrignanò, Alessandra Landi

Urban Resilience And Neighbourhood Approach: Some Insights From Transition Town Movement

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 105 / 2014

La progressiva crescita delle città pone inevitabilmente problemi di eco-compatibilità: in una prospettiva di sviluppo urbano sostenibile, un ritorno alla città compatta sembra essere l’univa via perseguibile, per diverse ragioni. Una prospettiva di ricompattamento urbano richiede di focalizzare l’attenzione sui quartieri: ricorrendo ad alcuni concetti degli studi di Sampson, si evidenzia come le Transition Towns possano essere lette in una prospettiva di Neighbourhood e come la letteratura sulla resilienza di comunità presenti elementi di sostanziale continuità con il neighbourhood approach.

Alessandra Landi

Il concetto di resilienza: origini, interpretazioni e prospettive

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 99 / 2012

Il contributo analizza lo sfaccettato concetto di ‘resilienza’, termine ad alta vocazione multidisciplinare sempre più utilizzato all’interno dell’ampio dibattito sulla sostenibilità ambientale. Dopo una breve rassegna sulle origini e le interpretazioni del concetto, si focalizza l’attenzione sulla resilienza come abilità collettiva di adattamento e come possibile competenza propria di una comunità socio-spaziale.

Alessandra Landi

Verso una sociologia della sostenibilità: intervista a Colin Campbell

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 99 / 2012

A partire dal doppio risvolto della romanticizzazione del naturale propria della cultura occidentale da un lato e della crisi ecologica dall’altro, Colin Campbell affronta alcuni dei punti chiave del dibattito sulla sostenibilità, soffermandosi sugli ostacoli e sulle sfide che, a livello globale, insidiano la realizzazione di pratiche di sviluppo sostenibile.

Alessandra Landi

Sviluppo sostenibile. Percorsi di rilocalizzazione

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 99 / 2012

Il contributo dà conto delle principali riflessioni elaborate da Colin Campbell nella sua intervista, costruita all’interno della cornice tematica della sostenibilità ambientale e articolata intorno a tre questioni principali: le origini socio-culturali dell’odierna crisi climaticoambientale, la rilocalizzazione come possibile risposta alle degenerazioni della globalizzazione, il movimento delle Transition Towns in un’ottica culturalista.

Alessandra Landi

Per un territorio sostenibile

SOCIOLOGIA URBANA E RURALE

Fascicolo: 99 / 2012

Le iniziative e le pratiche descritte nel presente numero di Sociologia Urbana e Rurale sono accomunate, in un’ottica di sviluppo sostenibile, da un forte orientamento al locale e alla rilocalizzazione, configurandosi come antidoti e sfide alle distorsioni socio-economiche globali e contribuendo altresì alla riscoperta e alla valorizzazione del patrimonio materiale ed immateriale insito nei contesti locali.