LIBRI DI EMANUELA COPPOLA

Girolamo Lo Verso

La mafia in psicoterapia

Basato sul racconto di casi clinici concreti seguiti sia nel privato che nel pubblico e narrati con piacevole fluidità, il lavoro entra nel mondo dello psichismo mafioso e spiega il fenomeno “mafia” da un punto di vista antropo-psichico. Un contributo di grande attualità in un momento in cui il dramma “mafie” è dilagato anche al nord squassando il nostro paese.

cod. 1250.207

Serena Giunta, Giuseppe Mannino

La dignità tradita

Uno studio psico-sociale sul crimine dei colletti bianchi

Il numero dei mafiosi “doc” in Sicilia sembra sia di poco più di cinquemila persone. Essi però possono godere della disponibilità di un numero di persone almeno dieci volte superiore: prevalentemente colletti bianchi. Medici e operatori sanitari, commercialisti, avvocati, amministratori, esperti nel campo dell’edilizia e dell’economia, professionisti che non si soffermano a considerare il rapporto con il particolare tipo di “cliente”, considerandolo esclusivamente un business di tipo economico.

cod. 1240.412

Antonino Giorgi, Serena Giunta

Territori in controluce

Ricerche psicologiche sul fenomeno mafioso

Il testo, adottando un prospettiva gruppoanalitica soggettuale, si interroga sul fenomeno mafioso, servendosi della ricerca psicologica come prisma scientifico capace di porre in controluce alcuni territori siciliani, identificando i diversi fasci di luce e le particolari zone d’ombra attraverso le quali la mafia influenza le culture locali.

cod. 1240.336

Maria Teresa Gargano, Emanuela Coppola, Girolamo Lo Verso

Il DAP nella mente relazionale. Chiavi di lettura gruppoanalitiche

GRUPPI

Fascicolo: 3 / 2011

Il disturbo da attacchi di panico, di cui, ancora oggi, è dibattuta l’autonomia clinica, nel contributo degli autori, viene esplorato da un vertice gruppo analitico soggettuale. L’eziopatogenesi è interconnessa all’ammonimento delle gruppalità interne che coarta le spinte progettuali dell’individuo. Il piacere, sperimentato dal paziente, per la conquista dello spazio libero è intercettato dalle voci familiari e trasfigurato in un’inquietudine vertiginosa (panico), intenzionando il soggetto alla cattività psichica (dipendenza). La contaminazione tra riflessione teorica e pratica clinica permette di visualizzare specifiche tecniche di regolazione emotiva e di conoscenza implicita. Le modulazioni dell’alleanza terapeutica, interpuntata di rotture e riparazioni, permettono al paziente d’interiorizzare un intestino/funzione mentale capace di trattenere, digerire e assimilare le interpretazioni del terapeuta e sviluppare fiducia nel legame.

Emanuela Coppola, Cecilia Giordano

Trame di sviluppo.

Il volontariato e la ricerca psicologica per il cambiamento nei territori difficili

Il volume presenta i risultati di uno studio sulle reti di volontariato che si snodano in Sicilia occidentale, cercando di diffondere stima e fiducia interpersonali, ma il cui lavoro spesso si inceppa nella stridente contraddizione tra sopraffazione mafiosa, macchinazioni clientelari, disfattismo civico da un lato, e bellezza paesaggistica e vitalità culturale, dall’altro.

cod. 1240.2.7

Salvatore Gullo, Emanuela Coppola, Girolamo Lo Verso

La valutazione delle psicoterapie: un’introduzione

GRUPPI

Fascicolo: 1 / 2010

Le psicoterapie funzionano? Quando? Quali cambiamenti producono? I risultati sono stabili nel tempo? E ancora, cosa produce il cambiamento o la guarigione? Come avviene? L’articolo passa al vaglio questi e altri interrogativi relativi alla ricerca in psicoterapia. Il lavoro, in forma introduttiva, problematizza questioni stringenti che da anni animano il dibattito scientifico internazionale e propone un percorso di senso, supportato dalla letteratura sul tema, che consente di seguire i vettori epistemologici che hanno gradualmente intrecciato le esigenze della ricerca e quelle della pratica clinica. Dalle originarie divisioni tra psicoanalisti e sperimentalisti si giunge ad una fase attuale, di maggiore maturità, della ricerca in psicoterapia (process-outcome research) che studia la relazione tra ciò che accade in terapia e il risultato della terapia stessa, privilegiando i trattamenti sul campo, per come essi vengono normalmente erogati nella pratica clinica routinaria (studi di effectiveness). Tra i risultati più importanti di queste ricerche vi è la comprensione delle differenze sul piano patologico e strutturale di quadri diagnostici e il relativo adeguamento dei dispositivi cura.

Emanuela Coppola, Girolamo Lo Verso

Topoi scientifici: il Mediterraneo ed il modello gruppoanalitico soggettuale

GRUPPI

Fascicolo: 2 / 2008

The Mediterranean and the Subjectual Group Analytical Model - The Mediterranean can be considered a privileged source of epistemological categoriesbecause its surplus wealth unravels a great, unique range of cognitive possibilities. Particularly,the knowledge produced in the Mediterranean is the knowledge of all knowledge, it isa mixed, reticular, and connective know-how: knowledge that involves different spacetemporaldimensions. It is not by chance that the subjectual group analytical model was actuallyborn in Sicily, the harbour of Mediterranean harbours, a strategic plexus of exchanges,a valuable artistic resource and the place where Hellenic democracy was founded. Indeed,subjectual group analysis describes an articulated elaboration of the architecture of the Self,conceiving man (as he fades into history) to be split into both individual and collective universes.The individual is theoretically described as a bond of a transpersonal network, ofsymbolic connections among the internal and external world, between the past and the present.It is clear that everything is in thematic, historical and anthropological association withthe Mediterranean spirit. By encountering "others", those who are really different, and dueto the landscape’s fluctuation between the past and the present, the Mediterranean has becomeone of the most heterogeneous creative platforms in the world.Keywords: Mediterranean, subjectual group analysis, the other.