Risultati ricerca

La ricerca ha estratto dal catalogo 102 titoli

Enzo Rullani

Territori in transizione: una traccia per la re-invenzione del territorio

ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE

Fascicolo: 1 / 2022

Nella stagione di "ripartenza" che stiamo vivendo, l’errore più grave sarebbe di immaginare che - uscendo dal tunnel della crisi - tutto possa tornare come prima. In realtà, molte cose sono già cambiate e stanno cambiando, non solo per l’esperienza traumatica fatta dal 2019 ad oggi, ma anche per la forza della transizione tecnologica e ambientale in atto. Una transizione che sta indirizzando i nostri modelli di business e di vita verso forme nuove, coerenti con il paradigma emergente: il capitalismo digitale della conoscenza in rete. Un capitalismo in cui il ruolo dei territori cambia radicalmente rispetto al passato, perché - con l’abbattimento delle distanze realizzato dalla rete digitale - la prossimità fisica deve integrarsi con quella virtuale (che usa la connessione a distanza), mettendo insieme la scala locale con quella metropolitana e globale. Questo cambiamento di fondo rende necessario investire sul futuro e assumere rischi di cui non tutti sono in grado o sono disposti a farsi carico. Inoltre, i territori devono re-inventare la propria identità per assumere un ruolo attrattivo nelle filiere estese con cui organizzano la propria generazione del valore. E questo richiede politiche di intervento e strategie di investimento condiviso dotate di visione, per andare oltre l’orizzonte della valorizzazione passiva delle risorse e delle identità ereditate dal passato.

Gian Carlo Cocco

Neuromanagement.

Per una nuova scienza del management

La teoria delle diverse forme di intelligenze e la consapevolezza delle trappole mentali in cui le persone tendono a cadere possono indirizzare l’azione degli operatori economici in maniera più adeguata agli attuali contesti di turbolenza. Il libro propone nuovi criteri di management e comportamento organizzativo tratti dalle neuroscienze e dall’economia comportamentale.

cod. 614.17

Nella realtà di tutti i giorni osserviamo il diffondersi di meccanismi pervasivi di spersonalizzazione, in cui protagonisti sono macchine, algoritmi, dati e altri dispositivi digitali che condizionano gli uomini con cui interagiscono. Al tempo stesso, però, prendono corpo processi di innovazione che sono invece presidiati da persone, dando così luogo a forme di ri-personalizzazione dei processi economici e delle relazioni sociali. Questo volume affronta questo tema focalizzandosi su quattro direttrici di riflessione: l’innovazione partecipata, la connessione digitale, la creazione di sensi e significati e la ri-personalizzazione attraverso l’esperienza.

cod. 10614.5

Lorenza Angelini, Vittorio D'Amato

In equilibrio dinamico all'orlo del caos

Le scienze della complessità applicate al management possono essere considerate metaforicamente come il “battesimo” del management, laddove il “peccato originale” del management può essere imputato ad un’originaria concezione meccanicistica dei fenomeni sociali ed economici. Gli autori affrontano l’evoluzione dei modelli di business e manageriali su tre diversi piani concettuali: manageriale, economico e simbolico/narrativo. Un volume per capire come navigare nella complessità e portare in porto le navi delle nostre imprese.

cod. 100.906

Giorgio Del Mare, Cosimo Finzi

Futurability.

L'Italia del futuro raccontata da 100 protagonisti dell'economia

Il volume presenta i risultati di un’indagine promossa da CFMT e realizzata da ProperDelMare Consulting in collaborazione con AstraRicerche, intervistando 100 manager ed esperti di settore sulla possibile evoluzione del Terziario in Italia tra il 2019 e il 2021. Le imprese si domandano quanto potranno essere competitive nel loro attuale modello di business. Le risposte che ne risultano sono tante e diverse: proprio questo è il senso di Futurability: un invito al lettore a misurarsi sul sentiero tracciato da esperti e operatori da tempo presenti sul campo, senza nascondere le differenze e divergenze esistenti tra le loro visioni del futuro possibile.

cod. 10614.3

Marco Vergeat

Come cambia la formazione per i manager.

I risultati dell'Osservatorio Managerial Learning Asfor-Cfmt

Il testo presenta i risultati della ricerca “Come cambia la formazione per i manager” sviluppata all'interno dell'Osservatorio Managerial Learning nato dalla collaborazione di ASFOR e CFMT. Dalla ricerca emergono un quadro articolato relativo a ciò che le imprese fanno in tema di formazione manageriale e, soprattutto, trend significativi di cambiamento che per manager, direzioni HR e specialisti del settore è utile conoscere al fine di orientare le scelte del futuro.

cod. 10614.2

Alberto F. De Toni, Enzo Rullani

Uomini 4.0: ritorno al futuro.

Creare valore esplorando la complessità

In un mondo che moltiplica i livelli della varietà, della variabilità, delle interdipendenze e dei gradi di libertà di ciascuno, gli automatismi sono essenziali per rendere fluida e scontata la gestione dei problemi più facilmente codificabili e prevedibili. Ma non sostituiscono le persone, il cui apporto creativo è indispensabile per gestire i livelli di complessità eccedenti le capacità delle macchine.

cod. 10614.1

Enzo Rullani

Distretti industriali e nordest: dal vecchio al nuovo, la difficile transizione

ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE

Fascicolo: 2 / 2017

In questo articolo si riflette sulle recenti trasformazioni dei distretti, con un focus particolare sul Nordest, il cui sviluppo è stato per molto tempo legato a doppio filo a questa forma organizzativa della produzione. In questo contesto, si analizzano il ruolo della transizione digitale, dell’emergere di nuovi modelli di business e delle imprese di medie dimensioni nel supportare la trasformazione dei distretti del Nordest. Si discute dei principali fattori di resistenza al cambiamento verso nuove configurazioni distrettuali e si riflette sulle forze economiche e sociali da mobilitare per creare una visione condivisa di futuro.

In questo articolo si prende in considerazione il modo attraverso cui l’idea di capitalismo responsabile che Luciano Gallino riprende dall’esperienza incompiuta di Adriano Olivetti e ricolloca in una evoluzione che ne contraddice le premesse, fino ad un esito sostanzialmente negativo: la sconfitta, per affetto di fenomeni dotati di forza sovrastante, come la globalizzazione, la finanziarizzazione, la codificazione impersonale delle informazioni gestite dai sistemi digitali. Da un lato questa evoluzione distrugge le istituzioni ereditate dal fordismo, dall’altra genera crisi, disuguaglianza crescente, insostenibilità. Nell’articolo si cerca di proporre un’altra visione delle cose che considera la situazione attuale un momento della transizione verso un nuovo paradigma postfordista che può fare emergere nuove soggettività e nuove istituzioni, diverse da quelle tipiche della società fordista, che oggi vanno considerate irrimediabilmente perdute.

Enzo Rullani, Roberta Sebastiani

Intelligenza relazionale.

Nuove idee per l'economia dei servizi

Lo scopo del libro è dare qualche idea in più ai tanti operatori (grandi e piccoli, manager e imprenditori) che ancora non si sono incamminati verso il cambiamento, per affrontare la sfida che li riguarda. Partendo dall’analisi di una serie di casi-impresa che dimostrano la percorribilità e la convenienza di questa strada, questo libro può fornire loro una mappa utile.

cod. 614.16

Il ruolo della conoscenza nella produzione e nella vita sociale sta cambiando radicalmente. Nel mercato globale le conoscenze codificate possonoessere riprodotte, trasferite e meccanizzate a costo zero, in tempo reale. Questa possibilità mette in gioco le produzioni low cost dei paesi emergenti e fa saltare i vecchi equilibri di potere. I paesi del capitalismo maturo hanno tuttavia importanti chances in questo processo, se riescono a guidarlo investendo risorse nella creazione di conoscenza generativa. È una sfida non solo per le imprese, ma anche per lavoratori e territori, che devono imparare a mettere insieme fare, dire e pensare.

Enzo Rullani, Roberta Sebastiani

Sense-making.

La nuova economia del valore

La produttività non cresce, in Italia, ormai da più di un decennio. Che cosa è successo per determinare, dal 2000 in poi, una situazione del genere? E come fare a venirne fuori, senza farci (troppo) male? Il libro fornisce al lettore una chiave di lettura fuori dagli schemi del problema e dei possibili rimedi.

cod. 614.15

Enzo Rullani

La sfida del welfare: produzione a rete e comunità di senso

ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE

Fascicolo: 3 / 2013

Il welfare che abbiamo ereditato dal novecento, sulla spinta della crescita di produttività garantita dal fordismo, è in crisi non solo per mancanza di risorse, ma anche per una progressiva perdita di qualità, dal punto di vista della customer satisfaction. Per trovare r imedi efficaci, bisogna adottare principi nuovi, adatti al paradigma tecnico e produttivo dei nostri tempi: rivalutare l’intelligenza della domanda, produrre a rete il servizio, ut ilizzare le idee e le capacità delle comunità si senso. Per evitare che le comunità tendano a chiudersi, creando processi di esclusione e di conservatorismo, è assolutamente necessario mantenere un servizio universale di base garantito dallo Stato per tutti. Dobbiamo abituarci a vivere e a lavorare con una doppia cittadinanza, facendo parte sia di una serie di comunità di senso, sia di un sistema pubblico che garantisce diritti essenziali di cittadinanza, anche nel welfare.

Una riflessione a più voci sulla diversità e sulle sue molteplici dimensioni, vista in particolare attraverso le fertili lenti dell’accoglienza, dono e valore costitutivo dell’umanità.

cod. 1072.1

Franco Amicucci, Gabriele Gabrielli

Boundaryless learning.

Nuove strategie e strumenti di formazione

Un volume fondamentale per professional e manager dello human resources management e knowledge management, executive e people manager, esperti di formazione manageriale e allievi di percorsi formativi post lauream sui temi di organizzazione, gestione e sviluppo delle risorse umane.

cod. 1157.17