Anziani e salute: quale contributo della psicologia?

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Giuseppe Andreis, Clara Capello, G. Marco Vinardi
Anno di pubblicazione: 2000 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 7 P. Dimensione file: 26 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il lavoro ha lo scopo di presentare i contributi che seguono, introducendo alcuni spunti di riflessione intorno a questioni cruciali per la psicologia della salute e per la professionalità dello psicologo. Per identificare alcune problematiche vengono proposti i temi della soggettività, della relazione e del ruolo dello psicologo nei contesti istituzionali e organizzativi, in relazione ai casi della donna in menopausa e dell’anziano in stato di deterioramento cognitivo. Soprattutto riguardo all’anziano, sano e malato, lo psicologo è chiamato a favorire l’integrazione degli interventi e ad accogliere e conservare la domanda (di relazione) del soggetto. Riconoscere e tutelare la soggettività equivale a proporre l’identità individuale come una questione di natura non solo filosofico-psicologica, ma sociologica e storica: dalla concezione di uomo e dalla definizione di identità dipendono infatti l’immagine sociale del soggetto anziano, dell’invecchiamento, della malattia e, di riflesso, la qualità della cura e dell’assistenza alla persona. Dalla clinica nascono interrogativi e strumenti concettuali per la prassi e la progettualità del lavoro psicologico. Interrogarsi sull’identità e sulla soggettività in relazione alla malattia e al contesto sociale e istituzionale apre la strada a riflessioni sul ruolo dell’anziano, sulla qualità della relazione fra utenti, operatori e servizi, sulla valutazione psicometrica-clinica del paziente deteriorato e sul ruolo specifico dello psicologo.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Giuseppe Andreis, Clara Capello, G. Marco Vinardi, Anziani e salute: quale contributo della psicologia? in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2000, pp , DOI: