Handicap, sport e qualità della vita

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Maria Di Nocera, Rosa Ferri, Monica Vaillant
Anno di pubblicazione: 2000 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. Dimensione file: 34 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Per una persona disabile, il sentimento di autoefficacia e di autostima può rimanere basso, influenzando in modo negativo, i vari aspetti della vita dell’individuo e la stessa spinta motivazionale ad intraprendere nuove attività ed esperienze. Si crea, in questo modo, un circolo vizioso nel quale la persona con disabilità si percepisce, trovando anche conferma dai feedback che riceve dall’esterno, come impotente a "colmare la differenza" e, quindi, non adeguata socialmente. La ricerca che presentiamo ha l’obiettivo di dimostrare come lo sport, nel nostro caso il nuoto, possa migliorare la Qualità della vita delle persone con disabilità, sia dal punto di vista fisico che psicologico. È stata svolta un’intervista a 20 disabili che praticano il nuoto, alcuni a livello agonistico altri principianti, cercando di indagare diversi aspetti della loro vita e l’importanza che lo sport ha assunto per loro. Analizzando il contenuto delle risposte, è possibile supporre che l’attività sportiva offra alle persone con handicap la possibilità di sperimentarsi in situazioni nuove, nelle quali sentirsi capaci e soddisfatti di se stessi, vivendo esperienze di gruppo ed individuali, sia di condivisione che di competizione.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Maria Di Nocera, Rosa Ferri, Monica Vaillant, Handicap, sport e qualità della vita in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 2/2000, pp , DOI: