Emozioni e salute cardiovascolare: rabbia e ostilità

Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE
Autori/Curatori: Paola Gremigni, Pio E. Ricci Bitti
Anno di pubblicazione: 2000 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 8 P. Dimensione file: 117 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Una vasta letteratura ha studiato le relazioni tra stili di regolazione e di espressione di rabbia e ostilità e salute cardiovascolare (CV), con risultati spesso contrastanti. La non univocità dei risultati è stata attribuita in generale all’uso di strumenti che misurano aspetti diversi delle dimensioni valutate e al coinvolgimento nelle indagini di soggetti con patologie CV fra loro diverse. L’ipotesi che la capacità di elaborare un’emozione primaria fondamentale come la rabbia funga da fattore protettivo nei confronti dell’insorgenza di malattie CV è pertanto tutt’ora da verificare. Alcuni studi condotti dagli autori al fine di chiarire il ruolo di rabbia e ostilità, misurate con diversi strumenti e in relazione a diverse tipologie di disturbo CV, hanno sostanzialmente con-fermato il legame tra specifici stili di regolazione e di espressione di queste emozioni e la salute CV degli individui.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Paola Gremigni, Pio E. Ricci Bitti, Emozioni e salute cardiovascolare: rabbia e ostilità in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 3/2000, pp , DOI: