Immigrazione: il modello mediterraneo

Titolo Rivista: AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI
Autori/Curatori: Ana Germani
Anno di pubblicazione: 2001 Fascicolo: 4 Lingua: English
Numero pagine: 9 P. Dimensione file: 54 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La specificità che ha assunto il fenomeno migratorio nell’Europa meridionale ri-spetto all’Europa settentrionale ha indotto diversi studiosi a riferisi ad un «modello mediterraneo dell’immigrazione». Numerosi fattori di natura geografica, demografica, sociale ed economica accomunano gli Stati membri dell’Europa mediterranea che si è trasformata, nel corso degli ultimi trent’anni, da bacino di emigrazione in un’importante area di immigrazione. Un processo piuttosto complesso e contradditto-rio in cui i paesi dell’Europa mediterranea avevano tuttavia continuato a funzionare come aree di emigrazione, anche dopo l’arrivo dei nuovi flussi migratori.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Ana Germani, Immigrazione: il modello mediterraneo in "AFFARI SOCIALI INTERNAZIONALI" 4/2001, pp , DOI: