Clicca qui per scaricare

Il Ministro della giustizia e le nomine di magistrati in organismi paragiudiziari europei (Note a margine del caso OLAF)
Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA  
Autori/Curatori: Giuseppe Santalucia 
Anno di pubblicazione:  2003 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 Dimensione file:  51 KB

Tra l’estate 2001 e l’estate 2002 si è consumato tra il Consiglio superiore della magistratura e il Ministro della giustizia un conflitto istituzionale incomprensibilmente sottovalutato dai commentatori. Si è trattato del «caso OLAF», cioè della vicenda concernente l’assunzione degli incarichi di «direttore delle investigazioni e operazioni» e di «agenti temporanei» presso l’Ufficio europeo per la lotta antifrode da parte dei tre magistrati italiani (i dr. Perduca, Piacente e Vaudano) che avevano superato la relativa selezione. L’autorizzazione, deliberata dal Consiglio, non ha avuto il necessario seguito amministrativo da parte del Ministro sì che (allo stato e salvi ulteriori sviluppi) il dr. Piacente ha ripreso servizio in Italia mentre i dr. Perduca e Vaudano hanno assunto l’incarico presso l’OLAF lasciando la magistratura italiana. La vicenda è esemplare sotto molti aspetti: non ultimo la timidezza della maggioranza del Csm che ha rinunciato a sollevare, sul punto, conflitto di attribuzioni avanti alla Corte costituzionale.


Giuseppe Santalucia, in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 1/2003, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche