Farsi altro. Per una sociologia della moltitudine

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE
Autori/Curatori: Giovanni Boccia Artieri
Anno di pubblicazione: 2002 Fascicolo: 33 Lingua: Italiano
Numero pagine: 13 P. Dimensione file: 63 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Analysing how the relationship between individual and society is articulating asks for dealing with the forms of connexion between these two separate levels by the access to a median observation level of relational kind. In accordance with Michel Serres this level can be identified in the multiple, and observed in the form of the multitude, a stage of pre-aggregation that stands out on the background of the social contingence as a growing phenomenon. From this point of view the dynamics of getting other is sociologically noticeable; dynamics which is the process of virtualisation that concerns the status of contingence, interiorized by the subject and prompted by the informational technologies. This status shows itself in the body, progressively see-through, and in the constitution of community neo-forms, interpreted as plural subjectivities. Adequate contests to the renewed process of the hominescence.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Giovanni Boccia Artieri, Farsi altro. Per una sociologia della moltitudine in "SOCIOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE " 33/2002, pp , DOI: