Baconiana: nuove prospettive nella ricezione e fortuna delle opere di Francis Bacon
Titolo Rivista: RIVISTA DI STORIA DELLA FILOSOFIA 
Autori/Curatori:  Marta Fattori 
Anno di pubblicazione:  2003 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 Dimensione file:  87 KB
 

Baconiana: nuove prospettive nella ricezione e fortuna delle opere di Francis Bacon (di Marta Fattori) - ABSTRACT: Questo articolo si inserisce nell’ambito dei più recenti studi baconiani che hanno determinato una revisione critica della fortuna di Francis Bacon (cristallizzata soprattutto dalla seconda metà dell’800 in poi sull’artificioso dilemma se Francis Bacon fosse un vero scienziato oppure no), la pubblicazione di nuove opere o parti di opere inedite e uno studio attento del lessico e del vocabolario baconiano. Per quanto riguarda la seconda metà del ‘700 e l’‘800, la fortuna e l’incidenza del pensiero baconiano è quasi tutta da studiare, schiacciata com’è dal giudizio moralistico sulla sua ‘caduta’ (alla quale i savants del XVII e soprattutto del XVIII secolo, erano stati piuttosto indifferenti, in considerazione della sua grandezza). In merito alla fortuna di Francis Bacon in Italia nel XVIII e XIX secolo ho analizzato due dei possibili autori che alle opere del filosofo inglese diedero attenzione: Cesare Beccaria e Vincenzo Gioberti.


Marta Fattori, in "RIVISTA DI STORIA DELLA FILOSOFIA" 3/2003, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche