Clicca qui per scaricare

A systematic approach to structure evaluation indices for environmental decision making
Titolo Rivista: ECONOMIA DELLE FONTI DI ENERGIA E DELL’AMBIENTE 
Autori/Curatori: Andrea Nardini 
Anno di pubblicazione:  2003 Fascicolo: 1-2  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  30 Dimensione file:  169 KB

Effettuare una scelta, decidere, nel campo ambientale è praticamente sempre un problema multicriterio. L’informazione rilevante dovrebbe pertanto essere rappresentata in maniera olistica attraverso una cosiddetta matrice di valutazione. Questo compito richiede l’utilizzo di indici di valutazione. Inoltre, il problema è generalmente caratterizzato da interessi contrastanti o veri e propri conflitti di interessi, e conseguentemente richiede il coinvolgimento del pubblico e l’adozione di un approccio negoziale. Per questo, gli indici di valutazione dovrebbero essere facilmente comprensibili, e dovrebbero rendere chiari quali sono gli impatti sugli interessi in gioco. Gli indici proposti in letteratura rivelano, invece, una serie di debolezze strutturali quando si cerca di utilizzarli per tale fine. Più in generale, si può affermare che esiste ancora un significativo divario tra la fase essenzialmente tecnica di valutazione degli impatti (Studio di Impatto Ambientale) e la vera fase di valutazione che coinvolge giudizi di valore in merito all’importanza relativa dei diversi impatti; giudizi (basati su un sistema etico, morale) che dovrebbero essere resi espliciti. Partendo da questi presupposti, in questo articolo si definisce e propone una serie di criteri che gli indici di valutazione dovrebbero rispettare per poter supportare i processi decisionali ambientali attraverso un coinvolgimento attivo del pubblico. Si presenta anche un estratto di un caso studio per chiarire i concetti.


Andrea Nardini, in "ECONOMIA DELLE FONTI DI ENERGIA E DELL’AMBIENTE" 1-2/2003, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche