Brand Loyalty e store loyalty come driver di valore nel franchising

Titolo Rivista: INDUSTRIA & DISTRIBUZIONE
Autori/Curatori: Antonella Angelini, Paolo Corti
Anno di pubblicazione: 2003 Fascicolo: 4 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. Dimensione file: 96 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nell’ambito del franchising, il concetto di valore assume una valenza particolare, dettata dai meccanismi di condivisione del contesto propri di questa formula strategica. La soddisfazione della clientela, in effetti, conditio sine qua non per generare brand loyalty e store loyalty e, di conseguenza, valore aziendale, è il risultato di uno sforzo congiunto e partecipativo del franchisor e del franchisee, i quali si ripartiscono meriti e responsabilità nel processo di gestione della formula e, in particolare, dei cosiddetti driver di soddisfazione della clientela. Il presente lavoro, ha investigato proprio il contributo dei due attori suddetti al processo di creazione di valore aziendale, attraverso la gestione dei driver di store e brand loyalty. A tale scopo nella prima parte, dopo avere chiarito a livello teorico la relazione esistente tra customer satisfaction, customer loyalty e valore e il significato da attribuire a tali termini nell’ambito del franchising, viene descritta la metodologia di analisi seguita e le ipotesi sottoposte a verifica. Nella seconda parte dello scritto si riportano i risultati di una indagine empirica condotta per verificare le ipotesi suddette; essa ha coinvolto due grandi catene appartenenti a settori merceologici diversi, ma accomunate da una forte brand awareness e da una capillare distribuzione sul territorio: Computer Discount e Sergio Tacchini.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Antonella Angelini, Paolo Corti, Brand Loyalty e store loyalty come driver di valore nel franchising in "INDUSTRIA & DISTRIBUZIONE" 4/2003, pp , DOI: