La mediazione familiare: dalla regolazione dei conflitti al coinvolgimento dei figli in mediazione

Titolo Rivista: RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA
Autori/Curatori: Filippo Petruccelli, Barbara D'Amario
Anno di pubblicazione: 2003 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. Dimensione file: 65 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La separazione coniugale è un evento che determina un mutamento della struttura della famiglia e priva i figli di quella unione familiare che rappresenta per loro il punto di riferimento per un corretto sviluppo psicofisico. Nel presente articolo prendiamo in considerazione l’evento della separazione con i suoi possibili effetti sui figli e l’intervento di mediazione familiare come sostegno alla relazione genitori-figli. Analizziamo i diversi modelli di mediazione familiare, considerando la variabile della presenza o meno dei figli in seduta di mediazione e le varie tecniche di ascolto dei bambini.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Filippo Petruccelli, Barbara D'Amario, La mediazione familiare: dalla regolazione dei conflitti al coinvolgimento dei figli in mediazione in "RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA" 2/2003, pp , DOI: