Le differenze per età

Titolo Rivista: RICERCHE DI PSICOLOGIA
Autori/Curatori: Marcello Cesa Bianchi, Carlo Cristini, Giovanni Cesa Bianchi
Anno di pubblicazione: 2005 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 26 P. Dimensione file: 153 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il vissuto della legge si modifica con l’età. Nei primi anni di vita si apprendono modelli comportamentali dall’ambiente, soprattutto familiare, si imparano le norme in rapporto all’educazione che si riceve. Molti bambini sanno cogliere e discriminare gli aspetti positivi e negativi della vita, come se, attraverso il corso delle generazioni, venga trasmessa quale patrimonio culturale la capacità di discernere la gioia e il dolore, di assimilare quella legge morale che consente di separare il lecito dall’illecito. Ma spesso i bambini sono inconsapevoli dei loro gesti e possono commettere reati, senza valutarne le conseguenze, a volte per emulare messaggi mediatici. Gli adolescenti desiderano affermare la propria identità, tendono a contestare gli adulti, le loro norme e i loro stili di pensiero, cercano la verità, il senso della vita e per questo sfidano il mondo e le sue leggi. Sono inclini a trasgredire, attuando talvolta condotte devianti di vario genere, compiendo, verso gli altri o se stessi, atti legalmente perseguibili, dei quali non sempre si rendono pienamente conto. Agli adulti viene richiesta una consapevolezza ed una coerenza nell’osservanza della legge; essi di solito gestiscono l’organizzazione familiare e sociale; a volte lo fanno in modo autoritario, aggredendo chi ha un ruolo subordinato: donne, bambini, vecchi, poveri, disabili. Gli anziani vengono considerati in termini di pregiudizi o, sulla base del loro sapere ed esperienza, i referenti della legge civica e morale: da essi si attendono capacità riflessiva, ponderazione, mediazione sui fatti e le ragioni del vivere comune. Ma molti anziani sono emarginati, aggrediti, abbandonati, specie nelle metropoli; qualche volta sono protagonisti di reati e di gesti autolesivi. E’ soprattutto ai vecchi che si richiede la sapienza di una legge interiore.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Marcello Cesa Bianchi, Carlo Cristini, Giovanni Cesa Bianchi, Le differenze per età in "RICERCHE DI PSICOLOGIA " 2/2005, pp , DOI: