La relazione terapeutica con l'anziano istituzionalizzato. Quale funzione per il gruppo?

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Monica Gigante
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. Dimensione file: 84 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Si tratta di un gruppo di psicoterapia con anziani, residenti in una struttura per non autosufficienti. I partecipanti al gruppo sono stati selezionati in base ad alcuni criteri: relativa integrità delle funzioni cognitive; presenza di sintomi o vissuti depressivi; motivazione alla partecipazione. Essi hanno un’età media di circa ottant’anni, tutti hanno problemi di tipo motorio che limitano pesantemente la loro autonomia. Uno dei temi fondamentali di tale gruppo riguarda l’elaborazione del lutto, della separazione estrema, ossia della propria morte. Un altro aspetto caratterizzante il gruppo, è la dinamica del transfert-controtransfert, il rapporto del conduttore, generalmente molto più giovane, con il gruppo e con i pazienti, cioè l’aspetto intergenerazionale. Gli aspetti più creativi e più terapeutici di questo gruppo hanno riguardato la possibilità di ritrovare per questi pazienti, la capacità di giocare attraverso la narrazione e la possibilità di accedere a spazi vitali dentro di sé, nei propri ricordi e nella propria storia. Poter poi condividere, raccontare, narrare ed esplorare nuovi spazi simbolici è potenzialmente arricchente, terapeutico e dà ampio respiro alla relazione. Ampio spazio è dedicato alla cornice istituzionale e alla difficoltà a mentalizzare e a verbalizzare i vissuti legati alla morte nelle strutture per anziani non autosufficienti.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Monica Gigante, La relazione terapeutica con l'anziano istituzionalizzato. Quale funzione per il gruppo? in "GRUPPI" 1/2006, pp , DOI: