L'operatore in Casa di riposo: lavorare costruendo reti e relazioni. Riflessioni sulla formazione ad operatori che operano in residenze per anziani

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Daniela Debé, Claudia Giordana
Anno di pubblicazione: 2006 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 18 P. Dimensione file: 85 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Nell’articolo vengono presentati e discussi alcuni aspetti del lavoro con l’anziano all’interno di una Casa di riposo che richiedono specifiche competenze e comportano la gestione di problematiche connesse alla vecchiaia, alla malattia e alla morte. Le argomentazioni e le riflessioni proposte scaturiscono dall’esperienza effettuata presso una residenza per anziani in cui sono stati progettati e realizzati due corsi di formazione rivolti alle operatrici OSS (Operatore Socio Sanitario) della residenza. La relazione tra operatore e anziano, l’utilizzo del corpo che, oltre a veicolo di scambio e di comunicazione, diviene anche strumento di lavoro per l’operatore, il lavoro in équipe e il ruolo che l’istituzione riveste nella cura dell’anziano e nei confronti degli operatori che in questo tipo di strutture lavorano sono gli elementi che guidano il percorso riflessivo presentato. Spesso l’operatore impiegato nel costruire e gestire la relazione con i propri utenti fatica a riconoscere la reciprocità di questa relazione, può perdere di vista se stesso e valicare i confini esistenti tra professionale e privato. Prendersi cura della persona anziana significa, in quest’ottica, accettare ed elaborare i limiti imposti dalla precarietà della vita umana e salvaguardare uno spazio di pensiero.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Daniela Debé, Claudia Giordana, L'operatore in Casa di riposo: lavorare costruendo reti e relazioni. Riflessioni sulla formazione ad operatori che operano in residenze per anziani in "GRUPPI" 2/2006, pp , DOI: