Clicca qui per scaricare

Impugnabilità delle sentenze per violazione dei contratti collettivi e accertamento pregiudiziale
Titolo Rivista: GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI  
Autori/Curatori: Raffaele Foglia 
Anno di pubblicazione:  2006 Fascicolo: 111  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 543-555 Dimensione file:  69 KB

L'autore esamina criticamente il nuovo art. 420bis del c.p.c., introdotto dall'art. 18 del d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, con il quale è stata attribuita alla Cassazione la competenza a pronunziarsi in ordine all'interpretazione dei contratti collettivi nazionali concernenti i rapporti di lavoro privato. A parte l'assenza di una specifica delega in ordine ad una scelta legislativa così innovativa, il sub-procedimento disegnato dal legislatore, sulla falsariga di quanto già previsto per le controversie sul pubblico - in termini peraltro ben più strutturati, in quanto aventi ad oggetto contratti collettivi dotati di efficacia generale - emergono quali ulteriori aspetti discutibili, sia l'esclusione dal procedimento di pregiudiziale interpretativa dei contratti collettivi "gestionali" ed anche aziendali, nonché delle norme di legge o di regolamenti, sia l'assenza di ogni garanzia di partecipazione al procedimento interpretativo dei sindacati, autori del contratto collettivo sottoposto a verifica ermeneutica, sia la carenza di una adeguata pubblicità delle decisioni interpretative emesse dalla Cassazione, il che ne ridimensiona grandemente la portata nomofilattica "ultrattiva" con riferimento a tutte le altre controversie nelle quali venga in questione il medesimo contratto collettivo.


Raffaele Foglia, in "GIORNALE DI DIRITTO DEL LAVORO E DI RELAZIONI INDUSTRIALI " 111/2006, pp. 543-555, DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche