Le malattie a trasmissione sessuale

Titolo Rivista: RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA
Autori/Curatori: Anna Cornelio, Margherita Napoli, Adele Fabrizi
Anno di pubblicazione: 2005 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 37 P. 79-115 Dimensione file: 131 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Le Malattie Sessualmente Trasmesse (MST) rappresentano un gruppo eterogeneo di patologie infettive in continua espansione; ad oggi costituiscono una delle classi di malattie infettive più frequenti nel mondo ed hanno subito, nel tempo, profondi mutamenti nella loro natura e diffusione a causa di alcuni fattori: la disponibilità di test più accurati per la diagnosi di tali infezioni, l’emergere di nuove abitudini sessuali, la promiscuità, la tossicodipendenza e, non ultima, la maggiore possibilità di incontri sessuali tra individui di popolazioni diverse, che consente una più rapida diffusione di malattie prima confinate in determinate etnie o aree geografiche. Nel presente articolo vengono prese in esame, una per una, le diverse malattie sessualmente trasmesse (Sifilide, Gonorrea, Chlamydia, Candida, Herpes Genitalis, Human Papilloma Virus, Epatite C, il virus HIV e la sindrome AIDS) e per ognuna vengono descritte le cause, le modalità di trasmissione, i sintomi, l’evoluzione, la diagnosi e il trattamento, l’epidemiologia, sia nell’uomo che nella donna. Per quanto riguarda l’AIDS, un paragrafo a parte è stato dedicato ai Servizi e alle figure professionali preposti alla presa in carico del malato. In considerazione del fatto che le MST possiedono una notevole attività oncogenetica, hanno un lungo periodo di infettività e una lunga latenza clinica, possiedono un alto rischio di ricadute a distanza e infine non esistono, come nel caso dell’infezione da HIV, trattamenti capaci di determinare una risoluzione completa della malattia, uno dei principali aspetti della prevenzione di tali malattie consiste pertanto nell’identificazione di quei particolari comportamenti considerati a rischio di trasmissione e che, quindi, giocano un ruolo fondamentale nel mantenere lo stato epidemico nella popolazione.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Anna Cornelio, Margherita Napoli, Adele Fabrizi, Le malattie a trasmissione sessuale in "RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA" 1/2005, pp 79-115, DOI: