La peer education

Titolo Rivista: RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA
Autori/Curatori: Roberta Rossi, Tiziana De Ronzis
Anno di pubblicazione: 2005 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 16 P. 89-104 Dimensione file: 73 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’espressione peer education indica una modalità di base secondo la quale un piccolo gruppo di pari opera attivamente per informare e influenzare il resto del gruppo di appartenenza. Tale approccio ha conosciuto negli ultimi decenni una larga diffusione in tutto il mondo occidentale, coinvolgendo svariati ambiti di intervento come il tabagismo, la tossicodipendenza, l’alcolismo, la salute sessuale e la dispersione scolastica. L’educazione tra pari consente di ottenere cambiamenti e di attuare prevenzione attraverso la condivisione delle esperienze e l’utilizzo di un linguaggio comune. Numerose ricerche attuate in ambito preventivo sottolineano la necessità di programmi educativi che favoriscano il confronto, la discussione e la riflessione; attraverso le attività esperienziali e l’apprendimento attivo, proprie della peer education, è possibile promuovere la responsabilizzazione e la personalizzazione delle informazioni acquisite.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Roberta Rossi, Tiziana De Ronzis, La peer education in "RIVISTA DI SESSUOLOGIA CLINICA" 2/2005, pp 89-104, DOI: