Conflict Alimentarius: Geographic Indications in International Trade Law

Titolo Rivista: AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI
Autori/Curatori: Kal Raustiala, Stephen R. Munzer
Anno di pubblicazione: 2007 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 24 P. 47-70 Dimensione file: 225 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>Conflitti alimentari: le indicazioni geografiche del commercio internazionale</em> (by Kal Raustiala e Stephen R. Munzer) - Nel dibattito internazionale, attualmente le indicazioni geografiche sintetizzano tre delle questioni dominanti: l’international trade, la tutela delle proprietà intellettuali e le politiche agricole nazionali. Ed infatti, simile ad un marchio, l’indicazione geografica identifica e si avvale dell’origine dell’attività di produzione di un bene collegando ad essa delle peculiarità e delle qualità che il prodotto ottenuto o lavorato in altre regioni geografiche non dovrebbe avere, così caratterizzando il bene prodotto rispetto alla concorrenza. Sebbene tali segni distintivi abbiano una lunga storia, negli anni recenti si sono venuti imponendo all’attenzione degli operatori giuridici da un lato per la loro connaturale esigenza, nella circolazione delle merci a livello mondiale, di una espansione dei diritti di tutela delle proprietà intellettuali in seno alla Wto e, dall’altro, dinanzi ad una rapida globalizzazione del mondo, per l’esigenza di rispetto e tutela delle tradizioni locali e rurali. Dopo aver esaminato l’origine e le ragioni alla base dei tentativi di tutela delle indicazioni geografiche nel diritto internazionale, l’articolo indaga le possibili giustificazioni normative per tali peculiari tipologie di diritti intellettuali che se una forma blanda di tutela appare giustificabile, il livello di protezione messo a disposizione dalla Wto così come l’attuale posizione della EU per un suo incremento non appare per gli Autori ammissibile. Il lavoro tenta di dimostrare tale assunto sulla base delle teorie e della dottrina internazionale venutesi formando sul diritto di proprietà.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Kal Raustiala, Stephen R. Munzer, Conflict Alimentarius: Geographic Indications in International Trade Law in "AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI " 3/2007, pp 47-70, DOI: