Il CSM dopo 50 anni: il precario equilibrio tra giurisdizione e potere politico

Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA
Autori/Curatori: Massimo Brutti
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 4 P. 7-10 Dimensione file: 47 KB
DOI: 10.3280/QG2009-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>Il CSM dopo 50 anni: il precario equilibrio tra giurisdizione e potere politico</em> - Qual è la ragione, o meglio quali sono le ragioni, dell’attacco portato da più fronti al Consiglio superiore della magistratura? Un fatto è certo. Tale attacco è uno dei pochi elementi di continuità del sistema politico italiano tra la fase anteriore alla fine della guerra fredda e quella ad essa successiva. Esso infatti ci accompagna ormai da 30 anni, a dimostrazione che la posta in gioco è l’equilibrio tra giurisdizione e sistema politico.

Massimo Brutti, Il CSM dopo 50 anni: il precario equilibrio tra giurisdizione e potere politico in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 2/2009, pp 7-10, DOI: 10.3280/QG2009-002002