"Non sognavo il consiglio". Note sparse su magistrati, autogoverno, rappresentanza - Dopo cento dibattiti sulla cui utilità comincio a dubitare, provo a parlare di Consiglio superiore attraverso la sintesi di una esperienza costellata da qualche riflessione: una sintesi parziale, soggettiva e incompleta (perché legata al filo della memoria) ma più diretta e forse più utile. Inizialmente l’idea era di scrivere, su questa esperienza, un giallo. Avevo già il titolo, seppur non originale (Omicidio al Consiglio superiore), e la trama (con l’omicida svelato fin dall’inizio - non vi sarà difficile immaginarne l’identità - e venticinque possibili vittime...). Poi ho rinunciato: non per l’inflazione di magistrati giallisti ma per mancanza di capacità, oltre che di tempo. Mi limito, dunque, a raccontare e a ragionare, senza tatticismi e autocensure perché - come ha scritto recentemente E. Scalfari (La Repubblica, 23 agosto 2009) - «la timidezza, la prudenza, il dire e non dire (...) sono lo specchio d’una profonda indifferenza dello spirito pubblico, ormai ripiegato sul tirare a campare del giorno per giorno, senza memoria del passato né prospettiva di futuro)" />
Clicca qui per scaricare

"Non sognavo il consiglio". Note sparse su magistrati, autogoverno, rappresentanza
Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA  
Autori/Curatori: Livio Pepino 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: 5  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 49-70 Dimensione file:  306 KB
DOI:  10.3280/QG2009-005005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


"Non sognavo il consiglio". Note sparse su magistrati, autogoverno, rappresentanza - Dopo cento dibattiti sulla cui utilità comincio a dubitare, provo a parlare di Consiglio superiore attraverso la sintesi di una esperienza costellata da qualche riflessione: una sintesi parziale, soggettiva e incompleta (perché legata al filo della memoria) ma più diretta e forse più utile. Inizialmente l’idea era di scrivere, su questa esperienza, un giallo. Avevo già il titolo, seppur non originale (Omicidio al Consiglio superiore), e la trama (con l’omicida svelato fin dall’inizio - non vi sarà difficile immaginarne l’identità - e venticinque possibili vittime...). Poi ho rinunciato: non per l’inflazione di magistrati giallisti ma per mancanza di capacità, oltre che di tempo. Mi limito, dunque, a raccontare e a ragionare, senza tatticismi e autocensure perché - come ha scritto recentemente E. Scalfari (La Repubblica, 23 agosto 2009) - «la timidezza, la prudenza, il dire e non dire (...) sono lo specchio d’una profonda indifferenza dello spirito pubblico, ormai ripiegato sul tirare a campare del giorno per giorno, senza memoria del passato né prospettiva di futuro


Livio Pepino, in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 5/2009, pp. 49-70, DOI:10.3280/QG2009-005005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche