"Maybe we are still fighting the same war". Gli Stati Uniti tra i corsari del XVIII secolo e i terroristi del XXI

Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA
Autori/Curatori: Andrea Pelizza
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 126 Lingua: Italiano
Numero pagine: 28 P. 587-614 Dimensione file: 727 KB
DOI: 10.3280/SS2009-126001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Gli Stati Uniti d’America, da pochi anni resisi indipendenti, affrontarono le reggenze nordafricane di Tripoli e Algeri in due successivi conflitti, nel 1801-1805 e nel 1815. Tali episodi bellici vennero preceduti, accompagnati e seguiti da un fiorire di pubblicazioni, opera dei - o comunque relative ai - cittadini americani che, sorpresi in navigazione mercantile, furono oggetto della «guerra di corsa» condotta dai nordafricani e ne subirono le conseguenze, venendo condotti nel Maghreb in stato di «schiavitù» e in attesa di riscatto. Questi cosiddetti captivity tales and plays giocarono un ruolo non indifferente sul pubblico statunitense, preparandone il consenso e predisponendolo allo scontro, e influenzarono in modo duraturo la percezione e la concezione del mondo islamico nell’immaginario popolare. Gli attacchi terroristici contro New York del settembre 2001 hanno da una parte rinnovato l’interesse per le «Barbary Wars» d’inizio ottocento, e dall’altra favorito il paragone tra quelle e la odierna «War on Terror», portando spesso a forzature e analogie azzardate. Il presente articolo cercherà di delineare appunto questo percorso, attraverso l’analisi di una serie di saggi pubblicati negli ultimi anni negli Stati Uniti e in area anglosassone.

Andrea Pelizza, "Maybe we are still fighting the same war". Gli Stati Uniti tra i corsari del XVIII secolo e i terroristi del XXI in "SOCIETÀ E STORIA " 126/2009, pp 587-614, DOI: 10.3280/SS2009-126001