Clicca qui per scaricare

Natura, uomini e dissesti: le alluvioni di Nola agli inizi dell’ottocento
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Walter Palmieri 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: 126 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 615-633 Dimensione file:  1110 KB
DOI:  10.3280/SS2009-126002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nonostante l’importanza dei dati storici per le odierne politiche di prevenzione e di mitigazione del rischio idrogeologico, la storiografia raramente si è occupata di questi argomenti; anche se, dopo la catastrofe di Sarno del 1998, si è assistito ad una breve stagione di studi storici su frane e alluvioni verificatisi in quell’area nei secoli precedenti. Partendo da queste considerazioni, l’autore, dopo essersi soffermato sulle cause naturali che rendevano (e rendono) la pianura campana particolarmente esposta a fenomeni franosi ed alluvionali, ricostruisce ciò che avvenne nella pianura di Nola, negli anni Venti dell’Ottocento. La violenta eruzione del Vesuvio del 1822, infatti, aggravò enormemente i precari equilibri idrogeologici dell’area generando, negli anni seguenti, numerosi eventi catastrofici. Particolare attenzione viene dedicata all’individuazione delle attività antropiche - generate a loro volta da spinte di natura economica - che, sommandosi agli agenti naturali, contribuivano ad aggravare l’instabilità dei versanti. Attraverso l’ausilio di fonti archivistiche, vengono inoltre analizzate le modalità con cui le istituzioni dell’epoca intervennero per tentare di arginare questi fenomeni.


Keywords: XIX secolo, catastrofi, storia ambientale, Nolano, Vesuvio, dissesto idrogeologico



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Walter Palmieri, in "SOCIETÀ E STORIA " 126/2009, pp. 615-633, DOI:10.3280/SS2009-126002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche