Diritto all’informazione, partecipazione democratica del consumatore e Ogm

Titolo Rivista: AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI
Autori/Curatori: Paola Sobbrio
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 48 P. 79-126 Dimensione file: 681 KB
DOI: 10.3280/AIM2008-003005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il consumatore di alimenti prodotti con l’utilizzo di Ogm o che li contengono, ha diritto ad essere informato sia della loro immissione in commercio quanto dell’emissione deliberata nell’ambiente di questi organismi. Il diritto all’informazione non si limita ai soli strumenti dell’etichettatura e della tracciabilità ma si estende alla possibilità, prevista da diverse normative, per il cittadino/consumatore di rivolgersi alle Autorità competenti per richiedere tutte quelle informazioni da cui egli può trarre conoscenze sullo stato tanto dell’emissione nell’ambiente quanto dell’immissione in commercio degli Ogm. Le Autorità, inoltre, devono effettuare consultazioni pubbliche in merito alle decisioni da prendere in entrambe queste fasi. Tali consultazioni, per come vengono effettuate, non conferiscono effettività a tale diritto minando così il rapporto di fiducia tra Istituzioni e cittadini e facendo venire meno la possibilità che il diritto all’informazione si traduca in uno strumento di partecipazione democratica che crei le condizioni per una "co-produzione di conoscenza". Questo comporta una violazione del diritto all’informazione fonte di risarcimento del danno ex art. 2043 c.c.

Paola Sobbrio, Diritto all’informazione, partecipazione democratica del consumatore e Ogm in "AGRICOLTURA ISTITUZIONI MERCATI " 3/2008, pp 79-126, DOI: 10.3280/AIM2008-003005