La variabile sociologica nella valutazione degli effetti della progettazione architettonica

Titolo Rivista: SOCIOLOGIA URBANA E RURALE
Autori/Curatori: Paolo Costa
Anno di pubblicazione: 2009 Fascicolo: 90 Lingua: Italiano
Numero pagine: 15 P. 113-127 Dimensione file: 407 KB
DOI: 10.3280/SUR2009-090007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La valutazione post-occupativa (POE, Post-Occupancy Evaluation), è una pratica che studia gli spazi costruiti dopo che sono stati abitati, allo scopo di individuare lo scarto tra gli obiettivi inscritti nel progetto e le opportunità e i significati effettivamente colti dai suoi abitanti. Dopo aver ricostruito la storia di questa pratica, indicato le sue fasi principali e i vari livelli a cui essa è in grado di produrre conoscenza, il saggio analizza criticamente gli approcci adottati nelle valutazioni degli ultimi anni, mostrando come queste abbiano dato sempre minor rilievo all’analisi delle variabili sociologiche, a fronte di una attenzione crescente verso le dimensioni tecnologiche e funzionali della progettazione architettonica.

Paolo Costa, La variabile sociologica nella valutazione degli effetti della progettazione architettonica in "SOCIOLOGIA URBANA E RURALE" 90/2009, pp 113-127, DOI: 10.3280/SUR2009-090007