In difesa del controverso concetto di identificazione primaria

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Friedrich-Wilhelm Eickhoff
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 1 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 5-24 Dimensione file: 549 KB
DOI: 10.3280/PSI2010-001001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo si basa sulle osservazioni non sistematiche di Freud sull’importanza dell’identificazione primaria. Si va dalla "prima e originale forma di legame emotivo", alla "più significativa identificazione dell’individuo" con il "padre della preistoria personale" fino all’annotazione del 12 Luglio 1938 sull’"avere e l’essere l’oggetto". Fenichel e Gaddini hanno sottolineato la vicinanza all’imitazione, Ferenczi alla mimica, Anna Freud, Freeman, Cameron e McGhie così come Kristeva e Loch al carattere restitutivo nella patologia grave. Si ringraziano Sandler e Sandler, Amati Mehler e Ogden per il collegamento tra l’identificazione primaria e la percezione sensoriale. Il richiamo di Loch alla comparabilità dell’Io ideale e del soggetto trascendentale di Kant richiede un ulteriore chiarimento. I neuroni specchio forniscono un correlato neurobiologico dell’identificazione primaria, come delineato da Freud nel lavoro sul motto di spirito anticipato dalla mimesi, un concetto di Benjamin e Adorno integrato dalle idee psicoanalitiche sull’identificazione primaria. Alcuni aspetti di tre vignette dimostrano la rilevanza clinica dell’identificazione primaria. L’autore evidenzia la diversità rispetto all’identificazione proiettiva. L’identificazione primaria e il concetto della monade di Grunberger invece sono comparabili e compatibili.

Friedrich-Wilhelm Eickhoff, In difesa del controverso concetto di identificazione primaria in "PSICOANALISI" 1/2010, pp 5-24, DOI: 10.3280/PSI2010-001001