Che cosa vuole l’analista? Il rapporto tra la libera associazione, l’attività, l’ambizione e le innovazioni tecniche dell’analista

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Axel Hoffer
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 1 Lingua: English
Numero pagine: 25 P. 25-49 Dimensione file: 834 KB
DOI: 10.3280/PSI2010-001002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’A. ricostruisce la storia della libera associazione, la "regola fondamentale", attraverso la relazione/controversia Freud-Ferenczi. L’idea dell’"attività", inizialmente proposta da Freud per i pazienti fobici e ossessivi, si lega agli inizi degli anni ’20 al nome di Ferenczi. Scopo dell’attività è agevolare o, più accuratamente, "forzare" le associazioni in analisi. Poi Ferenczi cambia idea perché si accorge che la sua analisi ha ricreato l’ambiente genitoriale traumatico che ha causato la nevrosi del paziente. Questo mutamento d’opinione lo induce a ridefinire il controtransfert e a sviluppare le nuove tecniche dell’"indulgenza" e del "rilassamento", mitigando l’enfasi di Freud su "astinenza" e "frustrazione". Una vignetta tratta dall’analisi di una paziente bulimica pericolosamente auto-distruttiva illustra il valore della libera associazione come strumento prezioso per aiutare il paziente a sentirsi compreso senza pressioni alla rinuncia dei sintomi. Monitorando costantemente l’ambizione terapeutica, l’analista dimostra l’importanza della libera associazione nel favorire nella paziente una migliore comprensione di sé e del valore di sopravvivenza dei suoi sintomi. La vignetta evidenzia quanto l’ambizione terapeutica dell’analista renda difficile la libertà di associare della paziente e inevitabilmente intralci l’attenzione uniformemente fluttuante dell’analista. Naturalmente è necessario e auspicabile che l’analista nutra un desiderio terapeutico, ma esigendo il cambiamento si finisce per promuovere la condiscendenza e la ribellione nascosta che limitano l’analisi.

Axel Hoffer, Che cosa vuole l’analista? Il rapporto tra la libera associazione, l’attività, l’ambizione e le innovazioni tecniche dell’analista in "PSICOANALISI" 1/2010, pp 25-49, DOI: 10.3280/PSI2010-001002