Clicca qui per scaricare

Il cattolicesimo organizzato in Italia 1945-1953 Successo dell’anticomunismo, fallimento dell’egemonia
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Andrea Mariuzzo 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 258  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 P. 7-25 Dimensione file:  319 KB
DOI:  10.3280/IC2010-258001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio offre un contributo alla definizione dei riferimenti dottrinali dell’anticomunismo cattolico, e del suo ruolo nelle mobilitazioni che videro protagonista la Chiesa e le organizzazioni laicali nell’Italia degli anni immediatamente successivi al 1945. L’autore individua nell’enciclica Divini Redemptoris del 1937, e nell’ampio lavoro di elaborazione intellettuale alla sua radice, un elemento periodizzante per la sistematizzazione di un rifiuto del comunismo, "anti-religione" materialista, espressa su basi teologiche e dottrinali, e valuta l’impegno anticomunista del cattolicesimo organizzato nel secondo dopoguerra in una chiave di sostanziale continuità di orientamenti con gli anni precedenti. Sicuramente, la disponibilità di un solido e radicato repertorio di critiche al "comunismo ateo" permise al mondo cattolico di presentarsi come l’unico sicuro baluardo alla minaccia sovietica, garantendo il successo della mobilitazione dei Comitati civici in occasione delle elezioni del 1948. Tuttavia, i tentativi di trasformare tale affermazione nel punto di partenza per la "ricristianizzazione" italiana si sarebbero rivelati deludenti, finendo per scontrarsi con le prime significative tendenze di secolarizzazione della società.


Keywords: Anticomunismo, Chiesa cattolica, Divini Redemptoris, Azione cattolica italiana, Comitati civici, secolarizzazione

Andrea Mariuzzo, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 258/2010, pp. 7-25, DOI:10.3280/IC2010-258001

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche