Università e lavoro nel circolo vizioso della crisi

Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO
Autori/Curatori: Carlo Magni, Eleonora Renda
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 92 Lingua: Italiano
Numero pagine: 40 P. 83-122 Dimensione file: 541 KB
DOI: 10.3280/QUA2010-092006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo intende affrontare il problema della difficile transizione dei giovani laureati dalla formazione universitaria al mercato del lavoro. Il tema della scarsa capacità del sistema produttivo, specie in tempi di crisi, di valorizzare le competenze dei giovani laureati è di grande attualità e ricco di implicazioni teoriche e di ricerca applicata sia in campo economico che sociale. Dopo una sommaria descrizione del contesto occupazionale generato dalla crisi, il lavoro illustra il quadro normativo di carattere prevalentemente nazionale che ha guidato la fase di attuazione delle politiche attive per il lavoro negli ultimi anni, con particolare riferimento a quelle che coinvolgono il sistema formativo universitario. Successivamente, sulla base dei dati raccolti, vengono esaminate e valutate le politiche nazionali di intermediazione universitaria divenute uno dei nuovi strumenti istituzionali per favorire l’incontro fra la domanda e l’offerta di lavoro. Inoltre è stato esaminato criticamente l’approccio tradizionalmente utilizzato per studiare il comportamento delle imprese e dei lavoratori nelle scelte di investimento in capitale umano e formazione per verificare se, tale approccio, è ancora in grado di interpretare adeguatamente la realtà emersa dalla crisi. Infine si giunge alla definizione di politiche desiderabili per favorire una buona occupazione e contrastare il consolidarsi degli effetti negativi della congiuntura sfavorevole sul mercato del lavoro, specie per le giovani generazioni di laureati.

Carlo Magni, Eleonora Renda, Università e lavoro nel circolo vizioso della crisi in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 92/2010, pp 83-122, DOI: 10.3280/QUA2010-092006