Amore nel transfert. Identificazione primaria e imago materna

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Gregorio Kohon
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 16 P. 5-20 Dimensione file: 477 KB
DOI: 10.3280/PSI2010-002001
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In un nutrito numero di pazienti donne sembra esistere un’identificazione primaria con un’imago materna che viene vissuta solo in termini estremi. L’imago materna rappresenta una figura onnipotente, totipotente, sublime, che ispira paura, protettiva e sacra, personificando al tempo stesso una figura vulnerabile e patetica, dominata dalla tristezza, malattia e inibizione. Il ricordo inconscio del legame e delle lotte del soggetto con questa imago primaria di una madre/seno costituisce il background (mitico) contro il quale si svilupperanno in seguito le relazioni oggettuali. Queste verranno rievocate, rivisitate e ri-vissute nella situazione del transfert. Conformemente con la visione di Freud nel <i>Progetto</i>, ciò costituisce un trauma che viene ri-creato, sviluppato e compreso solo nell’<i>après coup</i> attraverso il lavoro di analisi.

Gregorio Kohon, Amore nel transfert. Identificazione primaria e imago materna in "PSICOANALISI" 2/2010, pp 5-20, DOI: 10.3280/PSI2010-002001