knowledge economy. Focalizzando l’attenzione sul rapporto fra capacitazione ed apprendimento, sonoevidenziati due tipi di rischi: i) una maggiore individualizzazione della diseguaglianza, se le capacitazioni divengono un terreno di conflitto sociale, che riproduce, invece di correggere, i conversion handicap iniziali; ii) la riduzione della libertà sostantiva, se il diritto ad apprendere si trasforma nell’obbligo di adattamento. L’approccio delle capacitazioni resta indubbiamente essenziale, ma richiede di trovare un equilibrio fra responsabilità personali e responsabilità istituzionali. Alcune evidenze relative all’Europa ed all’Italia mostrano la necessità di andare verso "istituzioni capacitanti", come condizione per utilizzare l’approccio per lo sviluppo di una effettiva libertà individuale di scelta.)" />
Clicca qui per scaricare

Individualizzazione della diseguaglianza sociale e politiche delle capacitazioni
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Marco Ruffino 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 120 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 34-49 Dimensione file:  289 KB
DOI:  10.3280/SL2010-120003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo analizza in modo critico l’approccio delle capabilities nelle politiche di welfare attivo, viste in rapporto al "paradigma debole" della knowledge economy. Focalizzando l’attenzione sul rapporto fra capacitazione ed apprendimento, sonoevidenziati due tipi di rischi: i) una maggiore individualizzazione della diseguaglianza, se le capacitazioni divengono un terreno di conflitto sociale, che riproduce, invece di correggere, i conversion handicap iniziali; ii) la riduzione della libertà sostantiva, se il diritto ad apprendere si trasforma nell’obbligo di adattamento. L’approccio delle capacitazioni resta indubbiamente essenziale, ma richiede di trovare un equilibrio fra responsabilità personali e responsabilità istituzionali. Alcune evidenze relative all’Europa ed all’Italia mostrano la necessità di andare verso "istituzioni capacitanti", come condizione per utilizzare l’approccio per lo sviluppo di una effettiva libertà individuale di scelta.


Keywords: Capacitazioni cognitive; welfare attivo; diseguaglianza; handicap di conversione; individualizzazione; politiche dell’apprendimento



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Marco Ruffino, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 120/2010, pp. 34-49, DOI:10.3280/SL2010-120003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche