Clicca qui per scaricare

Contributo a una discussione sui rapporti Fiat-Chrysler
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori:  Giuseppe Berta 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 260  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  4 P. 471-474 Dimensione file:  260 KB
DOI:  10.3280/IC2010-260006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Le relazioni tra Fiat e Chrysler hanno una lunga storia, che risale all’ultimo dopoguerra, quando la casa americana si fece carico di assistere i torinesi nell’ambito del piano Marshall. Cinquant’anni dopo, fattasi gravissima la crisi della Chrysler negli anni novanta, la Fiat pensò a un’acquisizione ma lasciò subito il posto alla tedesca Daimler, ben più dotata di risorse tecniche e finanziarie. Più tardi, dopo la rinunzia della Daimler a sostenere la Chrysler, questa ri- mase nelle mani di un fondo finanziario, che cercò un socio industriale per rilanciare la produzione. La fusione con la Fiat, che assunse le responsabilità gestionali, fornì all’amministrazione Usa una soluzione accettabile per evitare un fallimento disastroso. Dopo la conclusione dei primi accordi, la dinamica produttiva è però tale che la Fiat, ridotta di dimensioni per lo scorporo da Fiat Automobiles Group del settore dei veicoli industriali (Fiat Industrial), e debole sul mercato dell’auto, appare destinata a non avere il ruolo di guida nella nuova impresa, e a perdere la sua importante posizione nel sistema industriale italiano.


Keywords: Accordi Fiat-Crysler, sistema industriale italiano, mercato dell’auto, Fiat Group Automobiles, Fiat Industrial

Giuseppe Berta, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 260/2010, pp. 471-474, DOI:10.3280/IC2010-260006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche