Clicca qui per scaricare

Berlusconi-Putin. Le ragioni di una vicinanza
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori:  Andrea Di Michele 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 260  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 494-510 Dimensione file:  299 KB
DOI:  10.3280/IC2010-260008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La prima parte del saggio indaga gli elementi di comunanza tra Silvio Berlusconi e Vladimir Putin (leaderismo esasperato, populismo con venature nazionalistiche, controllo dei mezzi d’informazione), nonché il significato assunto dal rapporto con la Russia nella complessiva politica estera di Berlusconi, che ha visto l’Italia distaccarsi dal suo tradizionale europeismo e intessere relazioni preferenziali con Stati Uniti e Russia. Nella seconda parte, l’attenzione si sposta dai rapporti Berlusconi-Putin a quelli Italia-Russia, mostrando come la politica di avvicinamento a Mosca sia stata perseguita da tutti i governi italiani, di centrodestra e di centrosinistra, degli ultimi 10-15 anni. La Russia è per l’Italia un partner economico-commerciale fondamentale, in particolare in qualità di fornitore di prodotti energetici. Eni e Gazprom hanno costruito un rapporto di collaborazione e integrazione che non è esagerato definire strategico e che ha fatto di Eni il primo partner commerciale di Gazprom. Le scelte nazionali di politica energetica, che hanno determinato una crescente dipendenza dall’approvvigionamento russo, influenzano fortemente la più generale politica estera italiana, che crea malumore in Europa e negli Stati Uniti per il legame troppo forte e sbilanciato con Mosca.


Keywords: Silvio Berlusconi, Vladimir Putin, politica estera italiana, politica energetica italiana, rapporti Italia-Russia, rapporti Eni-Gazprom

Andrea Di Michele, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 260/2010, pp. 494-510, DOI:10.3280/IC2010-260008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche