Clicca qui per scaricare

La gestione dell’ordine pubblico dopo i fatti di Aigues-Mortes
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Donato D'Urso 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 260  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 511-525 Dimensione file:  294 KB
DOI:  10.3280/IC2010-260009
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’eccidio di lavoratori emigrati avvenuto nell’agosto 1893 ad Aigues-Mortes, nella Francia meridionale, provocò accese proteste in molte città italiane. In alcuni casi le dimostrazioni popolari degenerarono in atti di violenza: i fatti più gravi avvennero a Roma contro l’ambasciata francese e a Napoli. Le agitazioni colsero di sorpresa le autorità che non seppero affrontare l’emergenza con misure adeguate. All’epoca, la polizia aveva un organico assai ridotto (5.000 uomini in tutt’Italia) cosicché, in aggiunta ai carabinieri, sovente bisognava chiedere l’intervento di reparti dell’esercito nei servizi di ordine pubblico. L’autore illustra quali misure adottarono i prefetti di Roma e di Napoli, ai quali spettava la responsabilità del mantenimento dell’ordine. Le commissioni d’inchiesta giudicarono negativamente il loro operato e il governo punì i due alti funzionari per avere sottovalutato la situazione e utilizzato in modo inadeguato le forze di cui disponevano per soffocare i disordini. Lo studio reca in appendice il testo del rd. 5 gennaio 1899 che codifica in modo più puntuale rispetto al passato le norme sull’impiego della truppa in servizio di pubblica sicurezza.


Keywords: Italia 1800, ordine pubblico, rd. 5 gennaio 1899, prefetti, disordini popolari, Aigues-Mortes

Donato D'Urso, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 260/2010, pp. 511-525, DOI:10.3280/IC2010-260009

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche