Processi cognitivi ed organizzazione dei distretti industriali

Titolo Rivista: ARGOMENTI
Autori/Curatori: Maurizio Mistri
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 30 Lingua: Italiano
Numero pagine: 29 P. 39-67 Dimensione file: 222 KB
DOI: 10.3280/ARG2010-030003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Questo saggio ha l’obiettivo di analizzare la capacità di adattamento del sistema dei distretti industriali italiani ai cambiamenti in atto nella economia mondiale e nell’universo delle innovazioni tecnologiche. L’analisi viene compiuta con un riferimento costante alle basi cognitive dei processi decisionali degli agenti che operano nei distretti industriali. Il concetto di conoscenza, in effetti, ha una base strettamente cognitivista, a differenza di quanto è accaduto per il concetto di informazione. La riflessione sulla conoscenza in economia politica può partire dall’idea che ogni sistema economico è incardinato in sistemi più ampi (politici, culturali, militari, ecc.) che ne condizionano il funzionamento e le dinamiche evolutive. Ne deriva che nel mondo economico i processi dinamici non sono del tutto conoscibili ex ante, a causa dei limiti informativi e dei limiti computazionali a cui sono soggetti gli agenti economici.

Maurizio Mistri, Processi cognitivi ed organizzazione dei distretti industriali in "ARGOMENTI" 30/2010, pp 39-67, DOI: 10.3280/ARG2010-030003