Lo schema genealogico: razza o cultura?

Titolo Rivista: SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)
Autori/Curatori: Etienne Balibar
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 41 Lingua: Italiano
Numero pagine: 11 P. Dimensione file: 94 KB
DOI: 10.3280/LAS2011-041002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Il saggio affronta la relazione tra nazionalismo e razzismo ruotando attorno alle nozioni di <i>etnicità fittizia</i> e di <i>schema genealogico</i>, che insieme rinviano all’idea che la nazione debba trovare un meccanismo, istituzionale e immaginario, per trasferire e riprodurre al livello politico la funzione simbolica che lega il susseguirsi delle generazioni sotto il segno del ‘retaggio culturale’ e della ‘identità ereditaria’. Da un’analisi attenta risulta come tali nozioni siano il <i>residuo</i> dell’idea di ‘razza’ dopo che la sua applicazione alla violenta discriminazione dei soggetti coloniali, o dei discendenti degli schiavi, o dell’alterità etnica, è stata delegittimata. Dunque, si può comprendere come la nozione di razza, qualunque sia la giustificazione biologica adottata, non sia mai stata altro che una costruzione mitologica volta ad autorizzare il pensiero che riproduzione, trasmissione, educazione, memoria, tradizione ecc., avvengano <i>nei limiti di una comunità</i> dotata di una identità riconoscibile.

Etienne Balibar, Lo schema genealogico: razza o cultura? in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 41/2011, pp , DOI: 10.3280/LAS2011-041002