Effetti psicologici e sociologici della gestione post-sisma L’Aquila

Titolo Rivista: GRUPPI
Autori/Curatori: Arianna Sirolli, Alessandro Sirolli
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 3 Lingua: English
Numero pagine: 7 P. 77-83 Dimensione file: 104 KB
DOI: 10.3280/GRU2010-003008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Gli autori commentano la realtà condivisa dagli abitanti dell’Aquila in seguito al terremoto che ha distrutto il centro cittadino dal punto di vista della perdita di un luogo identitario, una base sicura collettiva, una cornice di senso. La "città fantasma" si configura, allora, come un non-luogo, nell’accezione che Marc Augé attribuisce a questo termine. L’unica possibilità di ricostruire un Sé individuale e collettivo e di riallacciare i legami sociali passa, quindi, necessariamente, attraverso la ricostruzione del centro storico. Questi commenti sottendono una critica agli interventi operati dalla Protezione Civile e decisi dalla politica che hanno effettuato una "deportazione" degli abitanti delle zone più colpite e hanno costruito ex-novo una città senza la partecipazione democratica degli aquilani.

Arianna Sirolli, Alessandro Sirolli, Effetti psicologici e sociologici della gestione post-sisma L’Aquila in "GRUPPI" 3/2010, pp 77-83, DOI: 10.3280/GRU2010-003008