L'ascolto della regressione nel processo analitico

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Sapisochin Gabriel
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 45 P. 29-73 Dimensione file: 488 KB
DOI: 10.3280/PSI2011-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Partendo dalla supposizione secondo la quale la nozione di regressione libidica appartiene a un modello di psichismo statico, chiuso al legame con l’altro e organizzato in maniera invariante, l’Autore considera che la comparsa dell’arcaico nella seduta psicoanalitica implichi un modello di psichismo inteso come un’Organizzazione Funzionale con differenti livelli di funzionamento e di rappresentazione simbolica. Propone l’idea di uno psichismo arcaico, concepito come inconscio non rimosso, risultato delle attribuzioni proiettive trau- matiche dell’inconscio genitoriale, che cerca espressione e rappresentazione attraverso l’agire nei diversi contesti nei quali si elabora la realtà psichica. L’Autore ritiene che l’idea di uno psichismo che si esprime e rappresenta attraverso la ripetizione messa in atto è la conseguenza logica di un modello di soggetto psichico aperto alla generazione di senso nel rapporto con l’altro dello spazio intersoggettivo, che ha cessato di essere un oggetto contingente. Pensa che la nozione freudiana di agieren implichi un cambiamento nella teoria dell’ascolto psicoanalitico, dato che il transfert cessa di essere soltanto lo spostamento delle rappresentazioni intrapsichiche per costituirsi come un fenomeno inter-soggettivo indissolubilmente legato al controtransfert. È per questo che egli ritiene che il transfert, ormai legato alla posizione controtransferale inconscia, superi il modello della prima teoria delle pulsioni e della prima topica freudiana. Riflette sull’uso strumentale della regressione nel processo analitico, sostenendo che essa, accogliendo la rappresentazione scenica di una particolare configurazione arcaica intrasoggettiva dell’analizzando, iscrittasi come gesto psichico non pensato verbalmente, crei le condizioni per una nuova forma di rappresentazione, conciliabile con il pensiero verbale dell’Io, distante dalla ripetizione messa in atto e suscettibile di risignificazione infinita.

Sapisochin Gabriel, L'ascolto della regressione nel processo analitico in "PSICOANALISI" 2/2011, pp 29-73, DOI: 10.3280/PSI2011-002002