I risorgimenti disincantati. Da Visconti a Martone

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Renata Gravina
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 8 Lingua: Italiano
Numero pagine: 7 P. 132-138 Dimensione file: 112 KB
DOI: 10.3280/HM2012-008011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

The feeling of Disenchantmentover anhistorical period as the Risorgimento is experienced and interpreted by the two directors Visconti and Martone in a different way. Martone in his Noi credevamo express a Rossellini legacy, everything in his way of working search the truth, whereas, Visconti in his Senso and Il Gattopardo products, practices one of his multiple way trough a radical realism, in the wake of the ‘aesthetics of the Risorgimento. With Noi credevamo, Martone expresses a tribute to the Republican Risorgimento that participates in the complaint of an age, seeking satisfaction. Visconti in his movies expresses instead an already disenchanted analysis, even if, it is surely only feigning indifference towards the Renaissance. So the result for a Risorgimento wiew, host Visconti as a self made director that uses one of the ways to express the ‘art, while Martone, is still on effort to understand the Risorgimento as a period itself. The disenchantment is, in any case, the feeling confirmed to the vision of both.

Renata Gravina, I risorgimenti disincantati. Da Visconti a Martone in "HISTORIA MAGISTRA" 8/2012, pp 132-138, DOI: 10.3280/HM2012-008011