Il disturbo post-traumatico da stress è un concetto ‘sufficientemente buono’ per il lavoro psichiatrico sulle conseguenze dei conflitti?

Titolo Rivista: RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA
Autori/Curatori: Byron J. Good, Mary-Jo Del Vecchio Good
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 2 Lingua: Italiano
Numero pagine: 21 P. 99-119 Dimensione file: 1662 KB
DOI: 10.3280/RSF2012-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

In un classico articolo del 1992, Derek Summerfield sostenne che "per la grande maggioranza dei sopravvissuti lo stress posttraumatico è una pseudocondizione, una ridefinizione della sofferenza comprensibile della guerra come problema tecnico per il quale sono disponibili soluzioni tecniche a breve termine come il counseling" Non ci sono prove che le popolazioni colpite dalla guerra cerchino questi approcci importati, che sembrano ignorare le loro tradizioni, i loro sistemi di significato, le loro priorità effettive" (p.1449). Questo articolo descrive un programma di collaborazione attiva fra un’équipe della Harvard Medical School e la IOM (Organizzazione Internazionale per la Migrazione) in Indonesia in risposta ai "lasciti della violenza" fra gli abitanti dei villaggi rurali di Aceh, Indonesia, dopo lo tsunami del 2004 e l’accordo di pace tra il governo indonesiano e il Movimento Aceh Libera che mise fine a venti anni di conflitto. L’articolo fornisce dati provenienti da una serie di studi che indicano livelli elevati di esperienze traumatiche e di problemi di salute mentale ad Aceh dopo il conflitto. Descrive un progetto IOM di promozione attiva di salute mentale che ha usato équipe di medici di base e infermieri per rispondere ai problemi di salute mentale, e un progetto valutativo che fornisce importanti prove empiriche dell’efficacia nella pratica del programma. Sostiene che il PTSD è ben altro che una "pseudocondizione" e che i programmi d’intervento possono essere molto potenti nel ridurre sintomi e disabilità. Conclude che lo sviluppo di programmi di salute mentale integrati in politiche di salute pubblica in contesti postbellici dovrebbe avere una priorità elevata.

Byron J. Good, Mary-Jo Del Vecchio Good, Il disturbo post-traumatico da stress è un concetto ‘sufficientemente buono’ per il lavoro psichiatrico sulle conseguenze dei conflitti? in "RIVISTA SPERIMENTALE DI FRENIATRIA" 2/2012, pp 99-119, DOI: 10.3280/RSF2012-002006