Terra santa, un brand territoriale (mentre la Palestina muore). Inserto fotografico

Titolo Rivista: HISTORIA MAGISTRA
Autori/Curatori: Marco Bistacchia
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 9 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 101-117 Dimensione file: 3966 KB
DOI: 10.3280/HM2012-009010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

The dismemberment of the territory on one hand and the eclipse of laic nationalism on the other have caused (are at the origin) of the flare up of the Palestinian national fabric and revives the concerns for an imminent deterioration of the interreligious cohabitation. The peace agreements swindle as planned in Oslo and tragically born out by the establishment of a dual government in Gaza has been perceived by the population as a crisis, currently irreversible, of the self determination national project. In such a scenario of political instability and economic stagnation the already tiny Palestinian christian community, on the strength of the international economic endorsement, seems to be determined se non hanno ancora deciso chiaramente), as far as they pledge, to abandon the sinking Palestinian ship and by shutting up ethnic bonds among the members of the community they would opt for an alternative way to the anticolonial resistance.

Marco Bistacchia, Terra santa, un brand territoriale (mentre la Palestina muore). Inserto fotografico in "HISTORIA MAGISTRA" 9/2012, pp 101-117, DOI: 10.3280/HM2012-009010