Clicca qui per scaricare

Razzie di uomini per il lavoro nella Germania nazista. Una messa a punto sul caso italiano
Titolo Rivista: ITALIA CONTEMPORANEA 
Autori/Curatori: Roberta Mira 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 266 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 80-95 Dimensione file:  124 KB
DOI:  10.3280/IC2012-266004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Durante la seconda guerra mondiale, lo sfruttamento di milioni di lavoratori stranieri, anche italiani, da parte della Germania nazista, oltre a costituire una condizione indispensabile per sostenere lo sforzo bellico, rappresentò uno dei cardini del sistema di dominio messo in atto dal Terzo Reich in Europa. Dopo una breve disamina delle dimensioni del fenomeno e della storiografia, l’autrice si concentra sul caso italiano, focalizzando l’attenzione sul tema dei rastrellamenti di civili da impiegare come manodopera. Rastrellamenti operati dai tedeschi nell’estate-autunno del 1944 specialmente in prossimità del fronte, che spesso avvennero in connessione con stragi di civili e operazioni condotte contro la Resistenza. Il prelievo forzato di lavoratori e la loro deportazione in Germania sono dunque da inserire e analizzare nel più generale contesto di guerra e violenza perpetrate a danno della popolazione nell’Italia occupata dai nazisti fra il 1943 e il 1945.


Keywords: Seconda guerra mondiale, Italia 1943-1945, occupazione nazista, lavoro coatto nella Germania nazista, rastrellamenti di manodopera, deportazione



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Roberta Mira, in "ITALIA CONTEMPORANEA" 266/2012, pp. 80-95, DOI:10.3280/IC2012-266004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche