Clicca qui per scaricare

Transport and the environment in Italy (1950-2006)
Titolo Rivista: ECONOMICS AND POLICY OF ENERGY AND THE ENVIRONMENT 
Autori/Curatori: Federico Paolini 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Inglese 
Numero pagine:  26 P. 219-244 Dimensione file:  517 KB
DOI:  10.3280/EFE2012-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Historians - and not only in Italy - have begun only in recent years to address in detail the environmental problems caused by transport. In recent years we have seen an attempt at creating a new interdisciplinary study sector (environmental mobility studies) with the aim of studying, from the environmental point of view, the many topics concerning mobility. This article aims at putting forward a brief survey of the development of transport in Italy (taking into consideration the time span between the end of the Second World War and the early part of the 21st century) with a perspective which stands between environmental history and environmental mobility studies. The chief objective of this paper is to analyze, and possibly assess the environmental impact of transport, utilizing indicators referring to the driving forces (extension of infrastructures, traffic volume) to environmental pressures (emissions of carbon dioxide, PM10, NOx, waste production per worker) and to environmental impacts (energy resources consumption). In particular, in the article the author uses the notion of virtual water, an easily applicable indicator for industrial production (it does not require the necessary complex calculations, used for example to assess the ecological footprint) useful for quantifying the environmental impact caused by the production and utilization of means of transport.

Gli storici - non solo in Italia - hanno iniziato solo negli ultimi anni per affrontare in dettaglio i problemi ambientali causati dal trasporto. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un tentativo di creare un nuovo settore di studio interdisciplinare (quello della mobilità ambientale) con lo scopo di studiare, dal punto di vista ambientale, le molte questioni in materia di mobilità. Questo articolo intende presentare una breve rassegna dello sviluppo dei trasporti in Italia (prendendo in considerazione l’intervallo di tempo tra la fine della seconda guerra mondiale e la prima parte del 21° secolo), con una prospettiva che sta tra la storia ambientale e gli studi ambientali sulla mobilità. L’obiettivo principale di questo lavoro è quello di analizzare, ed eventualmente valutare l’impatto ambientale dei trasporti, utilizzando indicatori riferiti alle forze motrici (estensione delle infrastrutture, volume di traffico) a pressioni ambientali (emissioni di biossido di carbonio, PM10, Nox, produzione di rifiuti per lavoratore) e per gli impatti ambientali (consumo di risorse energetiche). In particolare, nell’articolo l’autore utilizza il concetto di acqua virtuale, un indicatore facilmente applicabile per la produzione industriale (non richiede calcoli complessi, utilizzati ad esempio per valutare l’impatto ecologico) utile per quantificare l’impatto ambientale causato dalla produzione e l’utilizzazione di mezzi di trasporto.
Keywords: Environmental history, Sustainable mobility, Virtual water
Jel Code: N70, Q55, R41



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Federico Paolini, I trasporti e l’ambiente in Italia (1950-2006) in "ECONOMICS AND POLICY OF ENERGY AND THE ENVIRONMENT" 2/2012, pp. 219-244, DOI:10.3280/EFE2012-002010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche