Gerusalemme, città metropolitana, città della convivenza, città dell'Onu. Intervista

Titolo Rivista: FUTURIBILI
Autori/Curatori:
Anno di pubblicazione: 2011 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 9 P. 212-220 Dimensione file: 109 KB
DOI: 10.3280/FU2011-003014
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Raffaello Fellah*, intervistato da Vincenzo Porcasi**, esprime le sue interpretazioni e le sue ipotesi sul futuro migliore per Gerusalemme, sia come città metropolitana in quanto contesto della città storica con le tre anime religiose monoteistiche, e sia come è possibile trasformarla in città della convivenza. Importante è la cooperazione economica fra queste tre parti; ma anche importante la sua struttura istituzionale e la sua internazionalità. La struttura istituzionale della città storica è basata su un sindaco ebreo, che ha un ruolo di rappresentanza con l’esterno, e due vicesindaci rispettivamente musulmano e cristiano. Tuttavia bisogna garantire la pacificazione interna ed esterna di Gerusalemme trasformandola in sede delle organizzazioni internazionali e in particolare dell’Onu.

, Gerusalemme, città metropolitana, città della convivenza, città dell'Onu. Intervista in "FUTURIBILI" 3/2011, pp 212-220, DOI: 10.3280/FU2011-003014