Clicca qui per scaricare

Il gruppo come proprietà emergente
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Enrico Vincenti 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 51-68 Dimensione file:  635 KB
DOI:  10.3280/RPR2013-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La concettualizzazione del gruppo in psicoanalisi ha avuto una vita difficile, l’autore partendo da Freud ha cercato di evidenziare i presupposti di alcune teorizzazioni per arrivare a proporre una personale lettura attraverso l’utilizzazione di alcuni concetti dell’epistemologia della complessità. In particolare sostiene che il gruppo è un sistema autorganizzante, una proprietà emergente dalla circolarità ricorsiva delle molteplici interazioni che si attuano tra i soggetti membri; che esso abbiano una sua organizzazione e un suo dominio di pertinenza e di perturbazioni possibili. Inoltre ha cercato di evidenziare la circolari- tà ricorsiva delle interazioni e l’emergenza di attrattori che definiscono lo stato e la deriva del gruppo. L’esistenza di una congruenza tra la deriva (sviluppo contenente la storia e le tracce delle interazioni con gli elementi interni e con l’esterno) dei singoli membri e quella del gruppo-sistema, autorizza la lettura del gruppo e la possibilità d’intervento a partire da quanto emerge e/o da ciò che esprime uno qualsiasi dei suoi componenti (principio ologrammatico). Tali ipotesi sono utilizzate nella descrizione di una vignetta clinica.


Keywords: Psicoanalisi, gruppo, ricorsività, emergenza, alleanze inconsce

  1. Baranes J. J. (1995). Diventare se stessi: vicissitudini e statuto del transgenerazionale. In: Kaes R. e coll., a cura di, Trasmissione della vita psichica tra generazioni. Roma: Borla.
  2. Bertuglia C.S., Vaio F. (2011). Complessità e modelli. Torino: Bollati Boringhieri.
  3. Beebe B., Lachmann F. (2001). Co-costruire processi interni e relazionali. Auto e mutua regolazione nell’infant research e nel trattamento di adulti. Ricerca Psicoanalitica, 2: 119-160.
  4. Beebe B. (2003). Il nuovo modello evolutivo dell’infant research: origini del sé e delle rappresentazioni mentali. Conferenza 24-25 maggio, Milano.
  5. Bion W.R. (1971). Esperienze nei gruppi. Roma: Armando Editore.
  6. Bleger J. (1991). Il gruppo come istituzione e il gruppo nelle istituzioni. In: Kaes e coll., a cura di, L'istituzione e le istituzioni. Roma: Borla.
  7. Corbella S., Girelli R., Marinelli S. (2004). Gruppi omogenei. Roma: Borla.
  8. Dennet. D., Hofstadter D.R. (2010). L'io della mente. Milano: Adelphi.
  9. Di Maria F., Lo Verso G. (2002). Gruppi. Milano: Cortina.
  10. Foulkes S.H. (1975). La psicoterapia gruppoanalitica: metodi e principi. Roma: Edizioni Universitarie Romane.
  11. Foulkes S.H. (1998). L'approccio psicoanalitico alla psicoterapia di gruppo. Roma: Edizioni Universitarie Romane.
  12. Ferro A., Basile R (2001). Il campo analitico. Roma: Borla.
  13. Freud S. (1912). Totem e tabu. Opere, vol. 7. Torino: Boringhieri.
  14. Freud S. (1914). Introduzione al narcisismo. Opere, vol. 7. Torino: Boringhieri.
  15. Freud S. (1921). Psicologia delle masse e analisi dell'io. Opere, vol. 9. Torino: Boringhieri.
  16. Freud S. (1930). Il disagio della civiltà. Opere, vol. 10. Torino: Boringhieri.
  17. Freud S. (1934-38). L'uomo Mosè. Opere, vol. 11. Torino: Boringhieri.
  18. Gehlen A (2010). L'uomo. La sua natura e il suo posto nel modo. Milano: Mimesis edizioni.
  19. Kaes R. (1993). Il soggetto dell'eredità. In: Kaes R. e coll., a cura di, Trasmissione della vita psichica tra generazioni. Roma: Borla, 1995.
  20. Kaes R. (1994). Il gruppo e il soggetto del gruppo. Roma: Borla.
  21. Kaes R. (1996). La parola e il legame. Processi associativi nei gruppi. Roma: Borla.
  22. Kaes R. (2001). Lo psicodramma psicoanalitico di gruppo. Roma: Borla.
  23. Kaes R. (2004). Elementi teorici generali per costruire il legame e il soggetto del legame. Ricerca Psicoanalitica, 3.
  24. Kaes R. (2006). Histoire et épistémologie de l'approche psychanalytique des groupes. Le dispositif psychanalytique en situation de groupe, problèmes méthodologiques et travail psychique. Primo seminario SIPRe. Milano: 21 gennaio 2006.
  25. Kaes R. (2007). Un singolare plurale. Roma: Borla.
  26. Kaes R. (2008). L'istituzione in eredità. Roma: Borla.
  27. Lo Verso G., Lo Coco G. (2006). La cura relazionale. Milano: Cortina.
  28. Lo Verso G., Di Blasi M. (2011). La gruppoanalisi soggettuale. Milano: Cortina. PMid:22149812
  29. Luhmann N. (1990). I sistemi sociali. Fondamenti di una teoria generale. Bologna: il Mulino.
  30. Marinelli S. (2008). Contributi della psicoanalisi allo studio del gruppo. Roma: Borla
  31. Maturana H.R., Varela F.J. (1985). Autopoiesi e cognizione. La realizzazione del vivente. Venezia: Marsilio.
  32. Maturana H.R., Varela F.J. (1987). L'albero della conoscenza. Milano: Garzanti.
  33. Minolli M. (2004). Per un Io-Soggetto fatto di legami. Ricerca Psicoanalitica, 3: 227-246.
  34. Minolli M. (2005). Per un Io-soggetto come sistema. Ricerca Psicoanalitica, 3: 355-374.
  35. Morin E. (2007a). La conoscenza della conoscenza. Milano: Cortina.
  36. Morin E. (2007b). Le vie della complessità. In: Bocchi G e Ceruti M., a cura di, La sfida della complessità. Milano: Mondadori.
  37. Napolitani D. (2006). Individualità e gruppalità. Milano: IPOC.
  38. Neri C. (2001). Gruppo. Roma: Borla.
  39. Pichon-Rivière E. (1985). Il processo gruppale, dalla psicoanalisi alla psicologia sociale. Loreto: Lauretana.
  40. Sander L. (2005). Pensare differentemente. Per una concettualizzazione dei processi di base dei sistemi viventi. La specificità del riconoscimento. Ricerca Psicoanalitica, 3: 267-300.
  41. Sander L. (2007). Sistemi viventi, l'emergenza della persona attraverso l'evoluzione della consapevolezza. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  42. Siegel D.J. (1999). La mente relazionale. Milano: Cortina.
  43. Siegel D.J. (2009). Mindfulness e cervello. Milano: Cortina.
  44. Stern D. B. (1985). Il mondo interpersonale del bambino. Torino: Boringhieri, 1987.
  45. Tronick E. Z. (2002). A model of infant mood states and Sandarian affective waves. Psychoanal. Dialog., 12 (1): 73-99.
  46. Tronick E. Z., Bruschweiler-Stern N., Harrison A., Lyons-Ruth K., Morgan A., C., Nahum J. P., Sander L. W., Stern D. N. (1998). Dyadically expanded states of consciousness and process of therapeutic change. J. Inf. Mental Health, 19: 290-299., DOI: 10.1002/(SICI)1097-0355(199823)19:3<290::AID-IMHJ4>3.0.CO;2-Q.DOI: DOI: 10.1002/(SICI)1097-0355(199823)19:3<290::AID-IMHJ4>3.0.CO;2-Q.
  47. Vincenti E., Alfieri L., Ambrosio S., Noseda F., Policastro P., Torretta R. (2009). Individuo-gruppo: due mondi in interazione. Roma: Convegno SIPRe.
  48. Vincenti E. e coll. area gruppo (2011). Individuo-gruppo-organizzazione: complementarietà ed integrazione di diversi livelli di lettura in un intervento su un caso di invidia. Torino: Convegno.



  1. Floriana Irtelli, Contemporary Perspectives on Relational Wellness pp. 1 (ISBN:978-3-319-91049-9)
  2. Francesco Noseda, Riccardo Strada, Linda Alfieri, La famiglia: circolarità delle funzioni in RICERCA PSICOANALITICA 2/2017 pp. 59, DOI: 10.3280/RPR2017-002005

Enrico Vincenti, in "RICERCA PSICOANALITICA" 1/2013, pp. 51-68, DOI:10.3280/RPR2013-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche