Clicca qui per scaricare

Costruire per il ceto medio a Milano. Note sulla filiera imprenditoriale
Titolo Rivista: TERRITORIO 
Autori/Curatori: Luca Gaeta 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 64 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  7 P. 88-94 Dimensione file:  573 KB
DOI:  10.3280/TR2013-064014
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The precise boundaries of the supply chain for the production of housing for the middle classes in Milan during the boom years are not clearly defined. And yet its activity is of crucial importance to an understanding of the social and tangible forms of the middle class city. Construction companies constituted the key link in relations between land owners, clients, architects and end users of the asset that is a home. This paper offers a provisional picture which documents the firms most active in the sector, the prevailing operating practices and two businessmen who were interviewed. The conclusions identify two lines for further research into the middle class city: the role of non-professional mediators in the property market and the high concentration of up-market new housing construction within the ‘cerchia dei bastioni’ (inner part of the city).


Keywords: Residential building; middle class; building firms

  1. Mocarelli L., 2011b, «Assimpredil e il comparto edilizio immobiliare a Milano», in Poletti R. (a cura di), Costruttori di modernità. Assimpredil Ance 1945-2011, Edilstampa, Milano, pp. 147-183.
  2. Parlato V., 1972, «Il blocco edilizio», in Indovina F. (a cura di), Lo spreco edilizio, Marsilio, Venezia, pp. 189-200.
  3. Petrillo G., 1992, La capitale del miracolo. Sviluppo lavoro potere a Milano 1953-1962, FrancoAngeli, Milano.
  4. Rotondi M., 1985, «Legislazione e politica della casa in Italia dall’inizio del secolo XX», in Selvafolta O. (a cura di), Costruire in Lombardia 1880-1980. Edilizia residenziale, Electa, Milano, pp. 13-34.
  5. Rumi G., Buratti A.C., Cova A., 1990, a cura di, Milano ricostruisce, 1945-1954, Cariplo, Milano.
  6. Selvafolta O., 1986, a cura di, Borio Mangiarotti. Costruzioni civili e industriali, Arti Grafiche Ghezzi, Milano.
  7. Stefanato P., 1999a, «Il meccanico mancato», Dedalo, n. 11/12, pp. 4-6.
  8. Stefanato P., 1999b, «Mangiavacchi, dall’aeronautica al mattone», Dedalo, n. 1, pp. 5-6.
  9. Barp A., 1977, a cura di, Il secondo ciclo edilizio, FrancoAngeli, Milano.
  10. Berbenni E., 2011, «L’evoluzione della rappresentanza edile a Milano», in Poletti R. (a cura di), Costruttori di modernità. Assimpredil Ance 1945-2011, Edilstampa, Milano, pp. 33-69.
  11. Di Biagi P., 2001, a cura di, La grande ricostruzione. Il piano Ina-Casa e l’Italia degli anni ’50, Donzelli, Roma.
  12. Gaeta L., 1997, «Cultura, sport, turismo e spettacolo», in Dente B., Fareri P. (a cura di), Innovazione amministrativa a Milano, Aim, Milano, pp. 159-184.
  13. Gigli Marchetti A., 2007, a cura di, L’età della speranza. Milano dalla ricostruzione al boom, Skira, Milano.
  14. Graziosi S., Viganò A., 1970, Milano vendesi. Vent’anni di malgoverno urbanistico della città, Relazioni Sociali, Milano.
  15. Irace F., 1996, Milano moderna. Architettura e città nell’epoca della ricostruzione, Federico Motta, Milano.
  16. Mocarelli L., 2011a, «La ricostruzione edilizia a Milano tra intervento pubblico e privato (1945-1953)», in Cova A., Fumi G. (a cura di), L’intervento dello Stato nell’economia italiana. Continuità e cambiamenti (1922-1956), FrancoAngeli, Milano, pp. 515-546.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Luca Gaeta, in "TERRITORIO" 64/2013, pp. 88-94, DOI:10.3280/TR2013-064014

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche