La psicologia dell’Io, 1950-2010: stasi o evoluzione?

Titolo Rivista: PSICOANALISI
Autori/Curatori: Francis Baudry
Anno di pubblicazione: 2012 Fascicolo: 2 Lingua: English
Numero pagine: 34 P. 11-44 Dimensione file: 483 KB
DOI: 10.3280/PSI2012-002002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo si propone di illustrare le idee centrali di Hartman, Kris e Loewenstein nei primi anni ’50 e di mostrare come siano servite a strutturare quella che era stata fino ad allora un’impresa terapeutica alquanto caotica. Nella seconda parte l’autore analizza come dall’idea dell’analisi terapia del singolo si siano sviluppati altri punti di vista la persona Inserire riassunto di massimo 10 righe, soprattutto in Inghilterra e in Francia. Questi nuovi sviluppi si sono soffermati sul ruolo delle prime relazioni oggettuali con i contributi dei kleiniani e di Winnicott e sull’importanza della fase pre-edipica dello sviluppo. Nella terza parte l’Autore esamina brevemente come la pratica della cosiddetta psicologia dell’Io si sia silenziosamente evoluta, senza aver tuttavia dato vita a una nuova teoria ed esamina le conseguenze della disconnessione tra teoria e tecnica.

Francis Baudry, La psicologia dell’Io, 1950-2010: stasi o evoluzione? in "PSICOANALISI" 2/2012, pp 11-44, DOI: 10.3280/PSI2012-002002